Home Salute Tumori Nuovo bersaglio farmacologico per il cancro del pancreas

Nuovo bersaglio farmacologico per il cancro del pancreas

Gli scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute hanno scoperto un nuovo bersaglio farmacologico, una proteina chiamata PPP1R1B, che blocca la diffusione mortale del cancro del pancreas quando inibita nei topi.

 Pubblicati su Gastroenterology, i risultati dello studio sono un primo passo verso un potenziale trattamento per uno dei tumori più mortali conosciuti oggi.

“Il nostro studio ha scoperto che una proteina chiamata PPP1R1B, che è completamente nuova per i ricercatori che si occupano del cancro del pancreas, guida le metastasi del tumore, il motivo principale per cui il cancro è così letale”, afferma Anindya Bagchi, Ph.D., Professore associato in Tumor Initiation presso Sanford Burnham Prebys e autore senior dello studio. “Con questi dati proof of concept, possiamo avviare la ricerca di farmaci che identificano un inibitore del PPP1R1B e che, in caso di successo, può aiutare più persone a sopravvivere al cancro del pancreas”.

- Advertisement -

Il cancro al pancreas è uno dei tumori più mortali: meno del 10% delle persone con questo tipo di cancro rimane in vita cinque anni dopo la diagnosi. Il tumore è difficile da rilevare perché i sintomi spesso non compaiono fino a quando la malattia non ha già metastatizzato. Tuttavia, se il tumore è contenuto nel pancreas, il tasso di sopravvivenza a cinque anni aumenta fino a quasi il 40%, secondo l’American Cancer Society. Per ragioni sconosciute, il cancro del pancreas è in aumento e si prevede che possa diventare la seconda causa di decessi per cancro negli Stati Uniti entro il 2030.

Una scoperta sorprendente

Nello studio, gli scienziati si sono proposti di capire come il cancro del pancreas risponde alla privazione di ossigeno (ipossia). I ricercatori si chiedono da tempo come i tumori del pancreas possano prosperare in un ambiente così difficoltoso e hanno ipotizzato che una maggiore produzione di fattore 1 alfa inducibile dall’ipossia (HIF1A), un gene innescato dall’ipossia, possa stimolare la crescita del tumore. I farmaci che inibiscono l’HIF1A sono stati esplorati per molti tumori ipossici, ma fino ad ora il ruolo della proteina nel carcinoma del pancreas non era chiaro, presentando un ostacolo agli studi clinici che valutano questi farmaci potenzialmente promettenti.

Come primo passo, gli scienziati hanno creato topi con tumori pancreatici che non producono HIF1A. Si aspettavano che la rimozione di questa proteina sarebbe stata benefica e avrebbe permesso ai topi di essere liberi dal cancro. Al contrario, con loro sorpresa, questi topi avevano tumori più aggressivi – con più invasione negli organi vicini, maggiori metastasi e tempi di sopravvivenza più brevi.

- Advertisement -

“La nostra ipotesi originale era che se rimuoviamo HIF1A, un presunto fattore di sopravvivenza del tumore, la crescita dovrebbe essere ritardata o dovremmo curare il cancro”, afferma Bagchi. “Invece, abbiamo ottenuto gli esatti risultati opposti. Quando abbiamo ottenuto questo risultato, sapevamo che potevamo aver colpito qualcosa di veramente interessante e dovevamo capire esattamente perché si verificava questo effetto”.

Rivelato un nuovo obiettivo farmacologico

Scavando più a fondo, gli scienziati hanno scoperto che questi topi avevano livelli aumentati di una proteina chiamata PPP1R1B. Quando hanno rimosso il gene che codifica per questa proteina, i topi hanno avuto meno metastasi, suggerendo che un farmaco che inibisce la proteina avrebbe fermato la diffusione del cancro del pancreas.

Vedi anche: Un recettore degli estrogeni può impedire la crescita del cancro del pancreas

“I nostri dati hanno anche mostrato che i campioni di tumore da persone con carcinoma pancreatico metastatico avevano livelli aumentati di PPP1R1B, aggiungendo ulteriori prove che la proteina ha un potenziale terapeutico“, afferma Ashutosh Tiwari, Ph.D., associato post-dottorato nel laboratorio Bagchi del Sanford Burnham Prebys e primo e co-autore principale dello studio. “Livelli elevati di PPP1R1B sono stati trovati anche nei tumori del colon, del polmone e della prostata e potrebbero anche essere visti in altri tumori ipossici, quindi un inibitore può avere benefici oltre il cancro del pancreas“.

Successivamente, gli scienziati prevedono di avviare la ricerca di composti che inibiscono PPP1R1B. Queste attività si svolgeranno presso il Conrad Prebys Center per la genomica, uno dei centri di ricerca sui farmaci più avanzati nel mondo non profit.

Il percorso per un trattamento efficace per il cancro del pancreas inizia con una forte comprensione scientifica di ciò che sta guidando la crescita e l’aggressività del tumore”, afferma Lynn Matrisian, Ph.D., Direttore scientifico della Pancreatic Cancer Action Network (PanCAN), che non è stato coinvolto nello studio. “Questo studio ha scoperto un promettente target farmacologico che, a seguito di ulteriori ricerche, un giorno potrebbe sfociare in un trattamento che aiuta più persone a combattere il cancro più ostinato del mondo”.

Uno sforzo di squadra

Altri autori dello studio includono Kojiro Tashiro di Sanford Burnham Prebys e Ajay Dixit dell’Università del Minnesota, che hanno contribuito allo studio allo stesso modo; Aditi Soni, Keianna Vogel, Utkarsha Paithane, Bryan Hall, Guillermina Garcia, Alexandre Rosa Campos, Aniruddha J. Deshpande e Cosimo Commisso di Sanford Burnham Prebys; Iram Shafqat, Joseph Slaughter, Nesteen Param, An Le, Emily Saunders, Jon Zettervall, Marjorie Carlson, Paolo P. Provenzano, Timothy K. Starr e York Marahrens dell’Università del Minnesota.

Fonte: Gastroenterology 

ULTIMI ARTICOLI

COVID 19 grave: carenza di interferone la causa

Immagine COVID 19 grave. Credito Public Domain. Capire cosa contribuisce allo sviluppo di COVID 19 grave sarebbe di grande beneficio clinico. L'analisi delle persone in...

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...