Nella lotta contro le infezioni intestinali, il sistema nervoso è la chiave

0
55

La coesistenza pacifica e delicata di batteri intestinali amichevoli e del sistema immunitario si basa su uno scambio di informazioni altamente coordinato tra le cellule del sistema immunitario e alcune cellule che rivestono l’intestino.

Fino ad ora, gli scienziati in genere credevano che questi due tipi di cellule fossero anche centrali nella produzione di molecole antibatteriche che respingono le infezioni pericolose.

Ma gli scienziati delle Università di Yale e Harvard hanno scoperto che, in risposta agli invasori batterici, le cellule nervose all’interno dell’intestino – e non le cellule immunitarie o le cellule che rivestono la parete intestinale, rilasciano citochine che combattono le infezioni intestinali.
Lo studio è stato pubblicato il ​​9 gennaio sulla rivista Cell.

I risultati forniscono nuove informazioni sulla risposta del corpo alle infezioni batteriche che causano intossicazione alimentare e altre malattie.

Vedi anche, Il trattamento con antibiotici può essere seguito da infezioni intestinali. Perché?

Credevamo che le cellule del sistema immunitario e le cellule della barriera intestinale comunicassero per tenere lontani gli invasori mobilizzando le proteine ​​antimicrobiche“, ha affermato l’autore correlato Richard Flavell, Sterling Professor di Immunobiology alla Yale e ricercatore dell’Howard Hughes Medical Institute. “Le cose in realtà non stanno così: è il sistema nervoso che dice alle cellule della barriera intestinale cosa fare“, aggiunge il ricercatore.

I fanti nella guerra contro i patogeni intestinali, fino ad oggi, risultano essere le molecole del sistema immunitario interleuchina-18 o IL-18. Le interleuchine fanno parte dell’arsenale del sistema immunitario. Ma quando i ricercatori hanno eliminato l’IL-18 sia dalle cellule immunitarie che dalle cellule che rivestono le barriere intestinali, i topi erano ancora in grado di respingere l’infezione intestinale dai batteri della Salmonella.

Questo ha escluso le interluchine come agenti responsabili della risposta immunitaria”, ha affermato Flavell. Ma i topi senza IL-18 prodotte dalle cellule del sistema nervoso erano più suscettibili alle infezioni, rivelando il loro ruolo chiave nella lotta alle infezioni.

“Il ruolo chiave delle cellule nervose nella difesa contro i patogeni ha senso, data la capacità del sistema nervoso di comunicare su lunghe distanze”, ha spiegato Flavell.

I risultati offrono l’opportunità di esplorare nuovi modi di intervenire nelle infezioni attraverso il sistema nervoso“, ha concluso Flavell.

Fonte, Science Daily