Nel melanoma, la radiochirurgia può combinarsi bene con l’immunoterapia

melanoma
Immagine: melanoma.

I medici spesso trattano il melanoma con farmaci che aprono il sistema immunitario al cancro e le metastasi cerebrali associate al melanoma, sono spesso trattate con radiazioni precisamente mirate con la radiochirurgia.

 Ora uno studio del Cancer Center dell’Università del Colorado pubblicato sul Journal of Neuro-Oncology, mostra un potenziale vantaggio di combinare queste due tecniche: in 38 pazienti con melanoma trattati con immunoterapia e radiochirurgia tra il 2012 e il 2017, la sopravvivenza globale media non è stata definita perchè molti di questi pazienti (che storicamente hanno avuto una prognosi molto scarsa) erano ancora vivi quando i dati sono stati analizzati ed era impossibile prevedere per quanto tempo sarebbero ancora vissuti. È importante sottolineare che lo studio mostra anche una differenza significativa nel controllo del cancro a seconda del tipo di immunoterapia utilizzata. Nel melanoma, le metastasi cerebrali sono una delle principali cause di mortalità. I pazienti trattati con immunoterapie anti-CTLA4 hanno sviluppato di nuove metastasi cerebrali a 3,1 mesi in media, mentre questa media non è stata superata dai pazienti trattati con immunoterapie anti-PD-1.

( Vedi anche:Inibizione della telomerasi per il trattamento del melanoma).

“Usiamo inibitori del checkpoint immunitario e all’apparire delle metastasi cerebrali, usiamo la radiochirurgia. Grandi studi hanno mostrato un drastico aumento della sopravvivenza dei pazienti con melanoma con metastasi cerebrali e il nostro studio suggerisce un possibile motivo: potrebbe esserci una sinergia sottostante tra queste terapie “, dice Tyler Robin, del Dip. di oncologia  presso la CU School of Medicine e primo autore dell’ articolo.

L’esatto meccanismo di questa sinergia è ancora in fase di studio, ma ricerche diverse hanno dimostrato che i trattamenti con radiazioni possono aumentare il segnale PD-L1 sui tumori, dando essenzialmente agli inibitori anti-PD-1 o anti-PD-L1 un obiettivo su cui agire.

Dei 38 pazienti trattati in questo modo, nessuno ha sviluppato effetti collaterali gravi, sebbene sei pazienti abbiano manifestato reazioni avverse. Venticinque pazienti hanno ricevuto un’immunoterapia anti-CTLA4, mentre 13 hanno ricevuto l’immunoterapia anti-PD-1.

“Diversi anni fa, un paziente avrebbe potuto aspettarsi di vivere solo dei mesi dopo quella diagnosi, ma per molti pazienti questo non è più il caso”, dice Robin. “I ricercqatori stanno studiando attivamente la combinazione di inibitori e radiazioni del checkpoint immunitario e i nostri dati aumentano la possibilità che gli inibitori del PD-1 siano preferenziali in questo contesto. Speriamo che le indagini in corso e future getteranno più luce sul valore potenziale di questa combinazione”.

Fonte: Journal of Neuro-Oncology

Altri articoli su melanoma