Home Medicina Alternativa Miele e Nigella sativa accelerano la clearance virale nei pazienti COVID-19

Miele e Nigella sativa accelerano la clearance virale nei pazienti COVID-19

Immagine: Public Domain.

La pandemia COVID-19 ha colpito finora oltre 50 milioni di persone e ha causato più di 1,25 milioni di vite in tutto il mondo. Il virus continua a diffondersi, con molti paesi che stanno vivendo una seconda ondata in questo momento e non abbiamo ancora un vaccino efficace contro COVID-19. Ciò rende molto importante trovare un farmaco efficace per curare la malattia e gli scienziati di tutto il mondo stanno correndo contro il tempo per trovare soluzioni terapeutiche che aiuteranno a trattare i pazienti COVID-19.

Un trattamento ideale accelererebbe il recupero sintomatico, ridurrebbe la carica virale, accelererebbe la clearance virale e ridurrebbe la mortalità. Sebbene alcuni trattamenti come l’Idrossiclorochina, l’Azitromicina, il Desametasone, il Remdesivir, le terapie con anticorpi e il plasma convalescente, abbiano dimostrato una certa efficacia, un trattamento efficace per combattere il COVID-19 grave non è ancora una realtà.

- Advertisement -

Tenendo presente questo, un team di ricercatori di vari istituti in Pakistan, Cile, Canada e Stati Uniti ha recentemente condotto una sperimentazione clinica per indagare la potenziale efficacia di una combinazione di miele e Nigella sativa (HNS) nel trattamento dei pazienti COVID-19.

Il loro studio è pubblicato sul server di prestampa medRxiv * prima della peer review.

Poiché studi precedenti hanno dimostrato che entrambi i componenti hanno dimostrato effetti antimicrobici, antivirali, antinfiammatori e immunomodulatori, i ricercatori hanno voluto valutare l’efficacia di HNS nel combattere COVID-19.

Proprietà curative del miele e della Nigella sativa

È stato segnalato che il miele ha effetti benefici contro molti virus, tra cui il virus dell’herpes simplex (HSV), il virus della rosolia, il virus dell’epatite e il virus della varicella Zoster. È anche efficace contro molti ceppi batterici multiresistenti, specialmente se usato insieme agli antibiotici. Oltre ai suoi effetti di potenziamento dell’immunità che stimolano le risposte immunitarie innate e adattive, il miele ha dimostrato di essere utile nel combattere le infezioni del tratto respiratorio superiore.

- Advertisement -

La Nigella sativa è una pianta medicinale comunemente nota come cumino nero e ha dimostrato di possedere proprietà antivirali contro molti virus, tra cui il citomegalovirus del topo e l’HCV. Studi in vitro hanno dimostrato che può diminuire la replicazione del coronavirus SARS-CoV. Alcuni dei suoi componenti hanno un’elevata affinità con molte proteine ​​ed enzimi SARS-CoV-2.

Cinetica della classificazione dello stato clinico in scala Ordinal nei pazienti COVID-19.  La figura mostra i cambiamenti cinetici nel punteggio del grado clinico (in scala ordinale a 7 punti) nel paziente COVID-19 che riceve il trattamento (HNS) o placebo (controllo).  Nota aumenta il numero di pazienti all'interno della scala 1 nel gruppo HNS sia per i casi moderati che gravi.

Immagine: cinetica della classificazione dello stato clinico in scala Ordinal nei pazienti COVID-19. La figura mostra i cambiamenti cinetici nel punteggio del grado clinico (in scala ordinale a 7 punti) nel paziente COVID-19 che riceve il trattamento (HNS) o placebo (controllo). Nota: aumenta il numero di pazienti all’interno della scala 1 nel gruppo HNS sia per i casi moderati che gravi.

Uno studio randomizzato e controllato per studiare l’azione di HNS contro COVID-19

I ricercatori hanno eseguito uno studio multicentrico, randomizzato e controllato in pazienti con COVID-19 di varia gravità. I pazienti randomizzati hanno ricevuto una combinazione di 1 g / kg / giorno di miele e 80 mg / kg / giorno di Nigella sativa o placebo per 13 giorni. La clearance virale, i sintomi, l’alleviamento e la mortalità a 30 giorni sono stati alcuni degli esiti.

“I risultati dello studio mostrano che l’uso di HNS nei pazienti COVID-19 promuove la clearance virale e riduce la gravità della malattia“.

Dei 313 pazienti, parte della coorte di studio, 210 pazienti con sintomi moderati e 103 con grave COVID-19 sono stati sottoposti a randomizzazione. Tra questi pazienti, 107 hanno ricevuto HNS e 103 casi moderati hanno ricevuto un placebo. Cinquanta pazienti gravi con COVID-19 hanno ricevuto HNS e 53 casi gravi hanno ricevuto placebo.

La somministrazione di HNS ha portato alla riduzione dei sintomi entro il terzo giorno nei casi moderati e il giorno 7 nei casi gravi.

Le proprietà anti-diabetiche, anti-ipertensive, cardio-protettive e broncodilatatorie dell’HNS lo rendono ancora più vantaggioso nei pazienti diabetici, ipertesi, cardiaci e asmatici che hanno una mortalità associata a COVID-19 più elevata“.

L’HNS potrebbe essere un’opzione di trattamento OTC conveniente, domiciliare e per i pazienti COVID-19

I risultati dello studio mostrano che l’HNS ha aiutato con l’alleviamento dei sintomi e la clearance virale e ha ridotto la mortalità nei pazienti con malattia moderata e grave. Secondo il team, l’HNS può essere utilizzato come terapia sicura ed efficace nei pazienti COVID-19 in quanto promuove un recupero e una sopravvivenza più rapidi. Pertanto, hanno concluso che l’HNS rappresenta un’opzione terapeutica accessibile e può essere utilizzato da solo o in combinazione con altre terapie per combattere COVID-19.

Alcuni vantaggi di questa potenziale opzione di trattamento sono la sua disponibilità “da banco”, l’accessibilità economica – meno di $ 5 per l’intero ciclo di trattamento e la facilità di somministrazione in quanto può essere un rimedio casalingo. Inoltre, HNS può anche essere utilizzato in combinazione con altri farmaci per una maggiore efficacia. Gli autori ritengono che questo trattamento ridurrà in modo significativo il carico sui sistemi sanitari globali.

È necessario uno studio multinazionale con un campione di dimensioni maggiori per indagare sulle potenziali variazioni nelle risposte al trattamento nei pazienti COVID-19 di diverse origini razziali ed etniche“.

Autori:

Sohaib Ashraf , Shoaib Ashraf , Muhammad Ahmad Imran , Moneeb Ashraf, Larab Kalsoom, Uzma Nasim Siddiqui, Muhammad Ghufran, Nighat Majeed , Iqra Farooq , Zaighum Habib , Abubakar Hilal e altri…

Fonte; medRxiv *

*Avviso IMPORTANTE

medRxiv pubblica rapporti scientifici preliminari che non sono sottoposti a peer review e, pertanto, non devono essere considerati conclusivi o trattati come informazioni consolidate.

ULTIMI ARTICOLI

Un batterio delle radici delle piante di ginseng potrebbe combattere l’Alzheimer

Immagine:ginseng:Public Domain. Un batterio trovato nel terreno vicino alle radici delle piante di ginseng sembra dissociare in modo significativo gli aggregati proteici associati al morbo...

La dieta mediterranea aiuta a ridurre gli effetti dello stress

Immagine:dieta mediterranea. Credit: Public Domain. Gli animali alimentati con una dieta in stile mediterraneo hanno mostrato una maggiore resistenza allo stress e un migliore recupero dopo...

Fibrosi e sclerodermia: importante passo avanti nel trattamento

Immagine: tessuto polmonare normale (a sinistra) e fibrosi polmonare indotta da bleomicina in un modello murino di fibrosi (a destra). Credito: Medical University of South...

Esercizio e cervello: ecco come l’attività fisica cambia la sua stessa struttura

Immagine: Public Domain. L'esercizio fisico regolare cambia la struttura dei tessuti del nostro corpo in modi ovvi, come ridurre le dimensioni delle riserve di grasso...

Emiliano Toso suona il pianoforte in sala operatoria durante un intervento

La scienza incontra l'arte: per la prima volta il biologo molecolare e musicista compositore Emiliano Toso suona il pianoforte nella sala operatoria dell’Ospedale Salesi...