Obesità: microbioma intestinale responsabile di artrite e dolori articolari

microbioma intestinale,obesità

Secondo un nuovo studio pubblicato oggi su JCI Insight, il microbioma intestinale, potrebbero essere il responsabile di artrite e dolori articolari che affliggono le persone obese.

L’osteoartrosi, un effetto collaterale comune dell’obesità, è la principale causa di disabilità negli Stati Uniti e colpisce circa 31 milioni di persone. A volte chiamata artrite da “usura”, l’osteoartrite nelle persone obese è stata a lungo assunta semplicemente come conseguenza di uno stress eccessivo sulle articolazioni. Ma i ricercatori del Medical Center dell’Università di Rochester forniscono la prima prova che i batteri nell’intestino, regolati dalla dieta, potrebbero essere la forza trainante dell’osteoartrite nell’obesità.

Gli scienziati hanno scoperto che i topi obesi avevano più batteri dannosi nell’ intestino rispetto ai topi magri, che causavano l’infiammazione in tutto il corpo e un rapido deterioramento delle articolazioni. Un supplemento prebiotico comune non ha aiutato i topi a perdere peso, ma ha completamente invertito altri sintomi, rendendo l’intestino e le articolazioni dei topi obesi indistinguibili da quelli dei topi magri.

Che cosa può fare una dieta occidentale ad alto contenuto di grassi

Il team di URMC, guidato da Michael Zuscik, Professore associato di Ortopedia presso il Center for Musculoskeletal Research (CMSR), Robert Mooney, Professore di Patologia e Medicina di laboratorio e Steven Gill, Professore associato di Microbiologia e Immunologia, hanno alimentato i topi con una dieta ad alto contenuto di grassi, una dieta simile aquella occidentale di “cheeseburger e frappè”.

Solo 12 settimane di dieta ad alto contenuto di grassi hanno reso i topi obesi e diabetici, quasi raddoppiando la loro percentuale di grasso corporeo rispetto ai topi nutriti con una dieta povera di grassi e sana. Nei topi obesi erano dominati i batteri proinfiammatori ed erano quasi completamente privi di alcuni batteri probiotici benefici.

I cambiamenti nei microbiomi intestinali dei topi coincidevano con i segni di un’infiammazione a livello del corpo, compresa l’infiammazione delle ginocchia in cui i ricercatori hanno indotto l’osteoartrosi con una lesione meniscale, una comune lesione atletica nota per causare l’artrosi. Rispetto ai topi magri, l’osteoartrosi è progredita molto più rapidamente nei topi obesi che hanno perso quasi tutta la cartilagine entro 12 settimane dall’inizio della dieta.

“La cartilagine è sia un cuscinetto che un lubrificante che sostiene movimenti articolari privati così di attrito”, ha detto Zuscik.

( Vedi anche:Perchè la perdita della diversità microbica nel microbioma intestinale è una minaccia per la salute).

Puoi mangiare la tua torta e proteggere anche le tue articolazioni?

Sorprendentemente, gli effetti dell’obesità sui batteri intestinali, l’infiammazione e l’osteoartrosi, sono stati completamente prevenuti quando la dieta ad alto contenuto di grassi dei topi obesi è stata integrata con un comune prebiotico, chiamato oligofruttosioLa cartilagine del ginocchio dei topi obesi che hanno assunto l’integratore di oligofruttosio era indistinguibile da quella dei topi magri.

I prebiotici, come l’oligofruttosio, non possono essere digeriti dai roditori o dagli esseri umani, ma sono graditi a determinati tipi di batteri intestinali benefici, come i bifidobatteri. Le colonie di questi batteri sono cresciute prendendo il sopravvento nei topi obesi e spiazzando i cattivi batteri, come i batteri proinfiammatori. Questo, a sua volta, ha ridotto l’infiammazione sistemica e ha rallentato il danno alla cartilagine nelle ginocchia osteoartritiche dei topi.

L’oligofruttosio ha anche reso i topi obesi meno diabetici, ma c’era una cosa che il supplemento dietetico non cambiava: il peso corporeo.

I topi obesi a cui è stato somministrato l’oligofruttosio, sono rimasti obesi, con lo stesso carico sulle loro articolazioni, tuttavia le loro articolazioni erano più sane.

Basta ridurre l‘infiammazione per proteggere la cartilagine articolare dalla degenerazione, sostenendo l’idea che l’infiammazione, non le forze biomeccaniche, guidano l’artrosi e la degenerazione articolare.

“Ciò rafforza l’idea che l’osteoartrosi è un’altra complicanza secondaria dell’obesità – proprio come il diabete, le malattie cardiache e l’ictus, che hanno tutte un’infiammazione come parte della loro causa”, ha detto Mooney. “Forse, condividono tutti una radice simile e il microbioma, potrebbe essere quella radice comune”.

Prima di andare al negozio di vitamine

Sebbene esistano parallelismi tra microbiomi umani e quelli di topi, i batteri che proteggevano i topi dall’osteoartrosi legata all’obesità possono differire dai batteri che potrebbero aiutare gli esseri umani. Zuscik, Mooney e Gill mirano a collaborare con i ricercatori del Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti, per spostare questa ricerca sugli esseri umani.

I ricercatori sperano di verificare se gli integratori prebiotici o probiotici che modellano il microbioma intestinale possono avere effetti simili nei veterinari che soffrono di osteoartrite, come hanno fatto nei topi .

Non ci sono trattamenti che possono rallentare la progressione dell’osteoartrite – e sicuramente nulla la inverte”, ha detto il primo autore Eric Schott, borsista postdottorato nel CMSR e presto ricercatore clinico presso Solarea Bio, Inc. “Ma questo studio pone le basi per sviluppare terapie mirate al microbioma per curare effettivamente la malattia“.

Fonte: JCI Insight

Altri articoli su microbioma intestinale, obesità