HomeSalutePelleMicrobioma cutaneo e invecchiamento della pelle

Microbioma cutaneo e invecchiamento della pelle

(Invecchiamento della pelle-Immagine Credit Public Domsin).

L’invecchiamento della pelle è causato da una combinazione di fattori intrinseci, come cambiamenti negli ormoni, metabolismo cellulare e risposte immunitarie e fattori esterni, come l’esposizione a sostanze inquinanti e raggi ultravioletti. Inducono importanti cambiamenti fisiologici e fisici nella pelle, come cedimenti, rughe, secchezza e bassa elasticità. Cambiamenti nella composizione lipidica, secrezione sebacea, pH e idratazione della pelle durante l’invecchiamento possono alterare la composizione del microbioma cutaneo che è colonizzato alla nascita.

I cambiamenti nel microbioma intestinale hanno un ruolo nell’invecchiamento e le attività delle specie microbiche (generazione di metaboliti benefici, rispetto alla generazione di infiammazioni dannose) possono essere importanti quanto le scelte di vita come l’esercizio fisico, quando si tratta del ritmo dell’invecchiamento.

- Advertisement -

La pelle umana ha una struttura multistrato composta da vari tipi di cellule, fibre, lipidi e altri componenti. È l’organo principale per proteggere il corpo dall’ambiente esterno. La superficie della pelle mantiene ambienti acidi, essiccati e aerobici, mentre i follicoli sebacei mantengono un ambiente anaerobico e ricco di lipidi. Inoltre, la pelle umana è popolata da vari microrganismi tra cui funghi, virus, archaea e batteri che si nutrono di sebo, lipidi e cheratinaI microrganismi più abbondanti sono i batteri, che producono diversi metaboliti e influenzano la proliferazione e le risposte immunitarie della pelle. Numerosi batteri non patogeni che vivono sulla pelle sono stati studiati attraverso metodi di isolamento colturale e le loro caratteristiche sono state identificate mediante analisi molecolare. Recentemente, il sequenziamento profondo ad alta velocità dell’RNA ribosomiale batterico 16S (rRNA) ha consentito ai ricercatori di analizzare il microbioma cutaneo (microbioma cutaneo significa batteri che vivono sulla pelle o informazioni genomiche su di essi) e di indagare il legame tra la salute della pelle e il microbioma cutaneo. Molti studi hanno rivelato che i marcati cambiamenti nel microbioma cutaneo possono alterare le condizioni della pelle e causare malattie come l’acne, la psoriasi e la dermatite atopica.

Vedi anche:La rapamicina ha un effetto anti-invecchiamento sulla pelle umana

Certamente ci sono buone prove per il ringiovanimento del microbioma intestinale attraverso il trapianto di microbiota fecale per migliorare la salute e prolungare la vita in specie di laboratorio di breve durata. Il microbioma cutaneo è altrettanto importante per le manifestazioni fisiche dell’invecchiamento cutaneo? Ci sono molte meno prove, poiché il lavoro su questo microbioma nel contesto dell’invecchiamento è in qualche modo in ritardo rispetto alle indagini sul microbioma intestinale. Tuttavia, risultati interessanti come quelli annotati in questo studio vengono attualmente prodotti dai ricercatori.

Un ecosistema microbico sbilanciato sulla pelle umana è strettamente correlato alle malattie della pelle ed è stato associato a infiammazioni e risposte immunitarie. Tuttavia, si sa poco sul ruolo del microbioma cutaneo sull’invecchiamento cutaneo. In questo studio, i ricercatori segnalano che le specie Streptococcus hanno migliorato la struttura della pelle e la sua funzione di barriera, contribuendo così all’anti-invecchiamento. 

- Advertisement -

Le analisi metagenomiche hanno mostrato l’abbondanza di streptococco negli individui più giovani o in quelli con una pelle più elastica. “In particolare, abbiamo isolato Streptococcus pneumoniae, Streptococcus infantis e Streptococcus thermophilus dai volti dei giovani individui. Il trattamento con secrezioni di S. pneumoniae e S. infantis ha indotto l’ espressione di geni associati alla formazione della struttura della pelle e alla funzione di barriera cutanea nelle cellule della pelle umana. L’applicazione delle secrezioni di streptococco, sulla pelle umana ha mostrato notevoli miglioramenti sui fenotipi della pelle come elasticità, idratazione e desquamazioneL’ analisi di Gene Ontology ha rivelato sovrapposizioni nei processi biosintetici della spermidina e biosintetici del glicogeno. La spermidina secreta da streptococco ha contribuito al recupero della struttura della pelle e della funzione barriera attraverso la sovraregolazione del collagene e sintesi dei lipidi nelle cellule invecchiate. “Nel complesso, i nostri dati suggeriscono il ruolo del microbioma cutaneo nelle applicazioni antietà e cliniche”, riferiscono gli autori.

Autori dello studio sono: Gihyeon Kim, Misun Kim, Minji Kim, Parco Changho. Youngmin Yoon , Doo-Hyeon Lim e altri del Dipartimento di scienze biomediche e ingegneria, Gwangju Institute of Science and Technology (GIST), Gwangju, Repubblica di Corea.

Fonte: Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...