HomeSaluteCuore e circolazioneMalattia delle arterie periferiche: ecco come individuarla

Malattia delle arterie periferiche: ecco come individuarla

(Malattia delle arterie periferiche-Immagine Credit Public Domain).

Se sei anziano e ti fanno male le gambe, potrebbe non essere niente o potrebbe essere un segno di malattia delle arterie periferiche (PAD).

“Con l’avanzare dell’età, siamo suscettibili ad alcuni dolori, forse un senso di oppressione nella parte bassa della schiena dopo essere stati in piedi per lunghi periodi di tempo o un dolore alle gambe dopo un allenamento impegnativo, ma se il dolore inspiegabile persiste, è importante rivolgersi ad un medico”, ha detto il Dottor Alan Dietzek, un chirurgo di Danbury, Connecticut. “Naturalmente, non tutto il dolore indica un problema serio, ma alcuni dolori alle gambe e altri sintomi agli arti inferiori potrebbero essere un segno di PAD”. La malattia delle arterie periferiche si verifica quando la placca si accumula nelle arterie delle gambe. Questo accade gradualmente. Se alla placca è permesso di progredire, può limitare o bloccare il flusso sanguigno in quell’arteria. La malattia colpisce circa 10 milioni di persone negli Stati Uniti. I rischi per lo sviluppo includono fumo, ipertensione, colesterolo alto, diabete, insufficienza renale e obesità.

- Advertisement -

pazienti più anziani e a rischio possono sottoporsi a un esame ecografico e della pressione arteriosa alle gambe, per determinare se hanno la malattia delle arterie periferiche  e quanto è grave.

I sintomi possono includere dolore alle gambe quando si cammina o si arrampica, intorpidimento, crampi, debolezza e ferite ai piedi che non guariscono. Può iniziare con difficoltà a camminare, ma può progredire fino a infezioni, ulcere dolorose del piede, cancrena e amputazione.

Vedi anche:Ormone della fame può trattare la grave malattia delle arterie periferiche

Se sviluppi la PAD, il medico può raccomandarti di smettere di fumare, perdere peso e fare esercizio, come camminare 30 minuti al giorno. I pazienti che hanno diabete e PAD dovrebbero controllare la loro glicemia. Ad alcuni pazienti verranno prescritti farmaci per migliorare il flusso sanguigno.

- Advertisement -

A volte viene consigliato un intervento chirurgico per ripristinare il flusso sanguigno alle gambe o ai piedi. I pazienti che non seguono un trattamento o che non seguono il consiglio del loro medico hanno una maggiore probabilità che la malattia delle arterie periferiche progredisca verso l’ischemia, il flusso sanguigno all’arto è così limitato da rischiare di perdere quell’arto.

“È fondamentale essere diagnosticati e trattati il ​​prima possibile in caso di malattia delle arterie periferiche“, ha detto Dietzek in un comunicato stampa della società. “Mentre la PAD può essere grave e pericolosa per gli arti, la buona notizia è che si tratta di una malattia che si muove lentamente e molti pazienti possono tenere a bada gli effetti peggiori semplicemente cambiando il loro stile di vita“.

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...