L’olio di cocco aumenta i livelli di colesterolo LDL

Immagine: Public Domain.

L’olio di cocco è ricco di grassi saturi e può quindi aumentare le concentrazioni sieriche di colesterolo, ma sono stati anche suggeriti effetti benefici su altri fattori di rischio cardiovascolare.

Pertanto, i ricercatori dell’American Heart Association Heart Failure and Transplantation Committee of the Council on Clinical Cardiology hanno condotto una revisione sistematica dell’effetto del consumo di olio di cocco sui lipidi nel sangue e altri fattori di rischio cardiovascolare rispetto ad altri oli da cucina, utilizzando i dati degli studi clinici.

Vedi anche: L’olio di cocco efficace contro l’infezione fungina da candida

I ricercatori hanno analizzato i dati da fonti come PubMed, SCOPUS, Cochrane Registry e Web of Science fino a giugno 2019. Hanno selezionato prove che hanno confrontato gli effetti del consumo di olio di cocco con altri grassi che sono durate almeno 2 settimane. Due revisori hanno vagliato in modo indipendente articoli, estratto i dati e valutato la qualità dello studio in base alle linee guida PRISMA (Articoli di segnalazione preferiti per revisioni sistematiche e meta-analisi). I risultati principali includevano colesterolo lipoproteico a bassa densità (colesterolo LDL), colesterolo lipoproteico ad alta densità (colesterolo HDL), colesterolo totale, trigliceridi, misure di grasso corporeo, marker di infiammazione e glicemia. I dati sono stati riuniti utilizzando la meta-analisi di effetti casuali.

Risultati:

16 articoli sono stati inclusi nella meta-analisi. I risultati erano disponibili da tutti gli studi sui lipidi nel sangue, 8 studi sul peso corporeo, 5 studi sulla percentuale di grasso corporeo, 4 studi sulla circonferenza della vita, 4 studi sulla glicemia a digiuno e 5 studi sulle proteine ​​C-reattive. Il consumo di olio di cocco ha aumentato significativamente il colesterolo LDL di 10,47 mg / dL (IC 95%: 3,01, 17,94; I2 = 84%, N = 16) e il colesterolo HDL di 4,00 mg / dL (IC 95%: 2,26, 5,73; I2 = 72%, N = 16) rispetto agli oli vegetali non tropicali. Questi effetti sono rimasti significativi dopo aver escluso studi non randomizzati o studi di scarsa qualità (punteggio di Jadad <3). Il consumo di olio di cocco non ha influenzato in modo significativo i marcatori di glicemia, infiammazione e adiposità rispetto agli oli vegetali non tropicali.

Conclusioni:

Il consumo di olio di cocco determina un colesterolo LDL significativamente più elevato rispetto agli oli vegetali non tropicali. Questo dovrebbe informare le scelte sul consumo di olio di cocco.

Fonte: Circulation