Linfoma diffuso a grandi cellule B, la terapia con CAR T può portare a remissioni durature

linfoma diffuso a grandi cellule B

In un aggiornamento di un trial clinico globale che si estende da Filadelfia a quattro continenti, la terapia CAR T, Kymriah® (tisagenlecleucel, precedentemente CTL019), ha portato a remissioni di lunga durata in pazienti con recidiva / refrattaria (r / r) nel linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL).

Il linfoma diffuso a grandi cellule B, talora indicato con DLBCL dall’inglese diffuse large B cell lymphoma, è una neoplasia linfoide che colpisce soprattutto, ma non esclusivamente, soggetti adulti o anziani, caratterizzata tipicamente dal coinvolgimento di una singola sede linfonodale o extralinfonodale e da rapida espansione della massa tumorale’.

 I risultati più recenti della sperimentazione saranno presentati oggi alla 60a Riunione ed Esposizione annuale della American Society of Hematology (ASH) a San Diego. Stephen J. Schuster, Direttore del programma Lymphoma presso l’Abramson Cancer Center dell’Università della Pennsylvania, è stato il principale ricercatore dello studio noto come JULIET .

JULIET ha incluso 27 siti in 10 paesi in Nord America, Europa, Australia e Asia. Secondo i dati presentati all’ASH, 115 pazienti con DLBCL r / r hanno ricevuto un’infusione di cellule T CAR. Il tasso di risposta globale dei pazienti valutabili è stato del 54%, con il 40% che ha ottenuto una risposta completa. La durata mediana di tali risposte non è stata raggiunta con un follow-up mediano di 19 mesi.

“Questi risultati sono coerenti con quello che abbiamo mostrato nei nostri studi in un singolo sito qui a Penn, ossia che la maggior parte dei pazienti che vanno in remissione rimangono in remissione“, ha detto Schuster, che è l’autore senior dell’ASH abstract ed è l’autore principale dello studio NEJM. I dati saranno presentati alla ASH da Richard T. Maziarz, Professore di Medicina presso l’Oregon Health and Science Knight Cancer Institute.

Due terzi dei casi di DLBCL sono trattati con successo con la chemioterapia di prima linea. Quando ciò fallisce, una chemioterapia ad alte dosi combinata con un trapianto di cellule staminali autologhe può potenzialmente portare a sopravvivenza a lungo termine libera da malattia. Tuttavia, solo la metà dei pazienti r / r è candidata a questo approccio e, per coloro che lo sono, il tasso di sopravvivenza libera da eventi a tre anni è solo del 20%.

La terapia CAR T rappresenta un’alternativa potenzialmente salvavita per questi pazienti, che ora hanno una terapia che può aiutarli a raggiungere una remissione duratura anche dopo che altre terapie, incluso il trapianto, hanno fallito”, ha detto Schuster.

Il trattamento modifica le cellule T immunitarie dei pazienti, che vengono raccolte e riprogrammate per cercare e distruggere potenzialmente le cellule tumorali dei pazienti. Dopo essere state reinfuse nel corpo dei pazienti, queste cellule T che esprimono CAR si moltiplicano e attaccano, bersagliando cellule che esprimono una proteina chiamata CD19. I test rivelano che questo esercito di cellule cacciatrici può crescere fino a più di 10.000 nuove cellule per ogni singola cellula di pazienti, producendo alti tassi di remissione. Queste cellule possono anche sopravvivere nel corpo per anni.

La sindrome da rilascio di citochine di grado 3/4 (CRS), una tossicità associata alla terapia con CAR T, che include vari gradi di sintomi simil-influenzali, con febbre alta, nausea e dolore muscolare e può richiedere cure a livello di terapia intensiva, è stata segnalata nel 23% dei pazienti, il 16% dei quali ha richiesto il trattamento con tocilizumab, che è la terapia standard per la tossicità. Tutti i pazienti sono guariti dal loro CRS. Altre tossicità di grado 3/4 includevano infezioni (19% dei pazienti), febbre risultante da un basso numero di globuli rossi (15%), eventi neurologici (11%) e un’anomalia metabolica chiamata sindrome da lisi tumorale (2%). Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Nel maggio 2018, Kymriah® è stato approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per il trattamento di pazienti adulti con linfoma a grandi cellule r / r dopo due o più linee di terapia sistemica, incluso DLCBL, linfoma a cellule B di alto grado e DLBCL derivante dal linfoma follicolare. Nell’agosto 2018, è stato approvato dalla Commissione Europea, diventando così la prima terapia cellulare approvata per due diverse indicazioni di cancro. L’approvazione originale della FDA è arrivata ad agosto 2017 per il trattamento di pazienti fino a 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta (LLA) refrattaria o seconda o successiva ricaduta. 

Penn e Novartis hanno stretto una collaborazione globale di ricerca e sviluppo nel 2012.

Fonte, EurekAlert


Altri articoli su linfoma diffuso a grandi cellule B