Leucemia linfoblastica acuta: scoperto percorso di segnalazione importante per la sopravvivenza delle cellule

leucemia linfoblastica acuta

La cooperazione tra gruppi di ricerca finlandesi e cinesi offre nuove opportunità per lo sviluppo di trattamenti per la leucemia linfoblastica acuta (LLA).

Un gruppo di ricerca guidato dal Prof. Daoguang Yan della Jinan University di Guangdong ha collaborato con il Prof. Vesa Olkkonen della Minerva Foundation Institute for Medical Research on the Meilahti Campus per scoprire un nuovo meccanismo che migliora la vitalità delle cellule T tumorali e promuove la loro riproduzione.

I ricercatori hanno scoperto che le cellule leucemiche utilizzano un percorso di segnalazione specifico per la loro sopravvivenza. Il percorso si basa principalmente sulla proteina ORP4L e viene espresso solo nelle cellule T cancerose, ma non in quelle sane.

“I nuovi risultati stabiliscono che ORP4L si lega al gruppo di proteine che trasmettono segnali sulle membrane delle cellule cancerose, per accelerare il rilascio di ioni di calcio dal reticolo endoplasmatico. In questo modo le ” centrali elettriche della cellula”, i mitocondri, sono liberi di produrre energia per la loro piena capacità di vivere”, spiega il Professor Olkkonen.

( Vedi anche:Leucemia linfoblastica acuta: nuova prospettiva di efficace trattamento).

L’inibizione del percorso di segnalazione appena scoperto potrebbe impedire alle cellule cancerose di crescere e riprodursi. Ciò significa che l’ identificazione di questo percorso può portare allo sviluppo di nuove terapie per la leucemia che colpiscono diverse sezioni del percorso.

Lo studio è stato pubblicato dalla prestigiosa rivista Nature Communications.

Il Prof. Yan è responsabile del gruppo di ricerca della Jinan University di Guangzhou, Guangdong, dal 2009. Mentre  lavorava a Helsinki presso il National Public Health Institute della Finlandia tra il 2005 e il 2007, Yan si è interessato alla proteina ORPS, una famiglia di proteine che si legano agli ossisteroli (derivati ossidati del colesterolo) negli esseri umani. Gli ossisteroli  appartengono alla I classe dei recettori intracellulari. Sono recettori che vengono attivati a varie concentrazioni di steroli, rappresentando così una linea di controllo del colesterolo a livello plasmatico. Proteine Oxysterol-binding si trovano nelle zone dove gli organelli cellulari vengono a contatto: trasmettono lipidi e segnali tra loro.

Un’espressione anormalmente intensa della proteina ORP4 era stata precedentemente osservata in alcune cellule tumorali e Yan e Olkkonen sospettavano che trasmettesse segnali che mantengono la malignità delle cellule. Nel 2009, il Prof. Yan ha scoperto che ORP4L veniva eccessivamente espressa nelle cellule leucemiche, e da allora, ha studiato la funzione di questa proteina e il suo significato nella leucemia.

Il gruppo di ricerca del Professor Olkkonen ha identificato la famiglia di proteine ORP tra il 1999 e il 2001 e sta ancora studiando le funzioni di queste proteine, tra cui ORP4L.

Inibitori ORP  nuovi farmaci antitumorali?

Lo studio ora pubblicato, ha usato sia le linee di cellule T tumorali in coltura che le cellule leucemiche isolate e prelevate direttamente dal sangue dei pazienti. L’espressione della proteina ORP4L è stata bloccata o eccessivamente amplificata in esperimenti su cellule coltivate. Il significato della proteina nella riproduzione delle cellule leucemiche è stato studiato anche in vivo trasferendo cellule leucemiche umane in modelli di topi immunodeficienti.

“Ciò che rende i nostri risultati particolarmente interessanti è che abbiamo scoperto anche piccole molecole inibitori delle proteine ORP  e siamo in grado di utilizzarle per sviluppare nuovi farmaci per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta e forse altri tipi di cancro”, ha concluso Olkkonen.

Fonte: Nature Communications

Altri articoli su leucemia linfoblastica acuta