HomeMedicina AlternativaLeucemia: dall'avocado nuova terapia farmacologica

Leucemia: dall’avocado nuova terapia farmacologica

(Leucemia.Imagine: secondo un nuovo studio dell’Università di Guelph, un composto negli avocado potrebbe alla fine offrire una strada per un migliore trattamento della leucemia. Credito: Università di Guelph).

Secondo un nuovo studio dell’Università di Guelph, un composto presente negli avocado potrebbe aprire la strada ad un migliore trattamento della leucemia. “Il composto prende di mira un enzima che gli scienziati hanno identificato per la prima volta come fondamentale per la crescita delle cellule tumorali”, ha affermato il Dott. Paul Spagnuolo, Dipartimento di scienze alimentari.

Pubblicato di recente sulla rivista Blood, lo studio si è concentrato sulla leucemia mieloide acuta (AML) che è la forma più devastante di leucemia. La maggior parte dei casi si verifica in persone di età superiore ai 65 anni e meno del 10% dei pazienti sopravvive cinque anni dopo la diagnosi. “Le cellule leucemiche hanno quantità più elevate di un enzima chiamato VLCAD coinvolto nel loro metabolismo. La cellula fa affidamento su quel percorso per sopravvivere”, ha aggiunto, spiegando che il composto è un probabile candidato per la terapia farmacologica. “Questa è la prima volta che VLCAD è stato identificato come bersaglio per qualsiasi tipo di cancro”.

- Advertisement -

Il suo team ha esaminato i composti nutraceutici tra numerosi composti, alla ricerca di qualsiasi sostanza che potesse inibire l’enzima. “Il migliore composto è derivato dall’avocado“, ha detto Spagnuolo. In precedenza, il suo laboratorio ha esaminato l’avocatina B, una molecola di grasso presente solo negli avocado, per un potenziale utilizzo nella prevenzione del diabete e nella gestione dell’obesità. Ora è ansioso di vederlo usato nei pazienti affetti da leucemia.

Vedi anche:Leucemia: inibitore blocca la proteina responsabile

VLCAD può essere un buon marker per identificare i pazienti adatti a questo tipo di terapia. Può anche essere un indicatore per misurare l’attività del farmaco ”, ha detto Spagnuolo. “Questo pone le basi per l’eventuale utilizzo di questa molecola negli studi clinici sull’uomo”. Attualmente, circa la metà dei pazienti con più di 65 anni con diagnosi di LMA ottiene cure palliative. Altri subiscono la chemioterapia, ma i trattamenti farmacologici sono tossici e possono finire per uccidere i pazienti. “C’è stata una spinta a trovare farmaci meno tossici che possono essere utilizzati”, dice il ricercatore. Riferendosi al lavoro precedente sull’uso dell’avocatina B per il diabete, Spagnuolo ha detto: “Abbiamo completato uno studio sull’uomo con questo integratore orale e siamo stati in grado di dimostrare che quantità apprezzabili sono abbastanza ben tollerate”.

Questo studio è stato finanziato in parte dalla Leukemia Research Foundation, dalla Cancer Research Society e dall’Ontario Institute for Cancer Research. Spagnuolo è coautore dello studio con Matthew Tcheng e Alessia Roma, dottorandi della U of G, l’ex dottorando Nawaz Ahmed e il tecnico Preethi Jayanth. Altri coautori sono ricercatori dell’Università di Waterloo , Western University, McMaster University, University of Colorado e University of Pittsburgh. Il team della U of G ha anche lavorato con i medici del Princess Margaret Hospital di Toronto.

- Advertisement -

Fonte:Blood

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...