Le infezioni alle orecchie possono portare a meningite, ascesso cerebrale e altre complicazioni neurologiche

infezioni delle orecchie

Anche se gli antibiotici hanno ridotto notevolmente i pericoli delle infezioni delle orecchie, si verificano ancora gravi complicazioni neurologiche, tra cui perdita dell’udito, paralisi facciale, meningite e ascesso cerebrale, secondo un rapporto pubblicato dalla rivista Current Neurology and Neuroscience Reports.

L’articolo è stato scritto dagli otorinolaringoiatri della Loyola Medicine, Michael Hutz, Dennis Mooree Andrew Hotaling.

L’ otite si manifesta quando un’infezione da raffreddore, allergia o delle vie respiratorie superiori porta all’accumulo di pus e muco dietro il timpano, causando dolore alle orecchie e gonfiore. Nei paesi sviluppati, circa il 90% dei bambini ha almeno un episodio prima dell’età scolare, di solito tra i sei mesi e i quattro anni. Oggi, complicanze secondarie da otite media si verificano in circa 1 su ogni 2.000 bambini nei paesi sviluppati.

La potenziale gravità dell’otite media fu segnalata per la prima volta dal medico greco Ippocrate nel 460 aC “Il dolore acuto dell’orecchio con febbre alta continuata è da temere perché il paziente può diventare delirante e morire”, ha scritto Ippocrate.

La più letale complicazione dell’otite media è un ascesso cerebrale, un accumulo di pus nel cervello a causa di un’infezione. I sintomi più comuni sono mal di testa, febbre, nausea, vomito, deficit neurologici e coscienza alterata. Con le moderne tecniche neurochirurgiche, la maggior parte degli ascessi cerebrali può essere aspirata o drenata, seguita da un trattamento antimicrobico per 6-8 settimane. Negli ultimi 50 anni, la mortalità a livello mondiale dagli ascessi cerebrali è diminuita dal 40 al 10% e il tasso di recupero completo è aumentato dal 33 al 70%.

Altre complicazioni includono:

Meningite batterica: i sintomi comprendono forte mal di testa, febbre alta, rigidità del collo, irritabilità, stato mentale alterato e malessere. Man mano che l’infezione si diffonde, il paziente sviluppa irrequietezza, delirio e confusione più gravi. Il trattamento antibiotico per via endovenosa ad alte dosi è per 7-21 giorni.

Mastoidite acuta: si tratta di un’infezione che colpisce l‘osso mastoideo situato dietro l’orecchio. Deve essere trattato per evitare complicazioni più gravi. I trattamenti comprendono antibiotici per via endovenosa e posizionamento di un tubo di drenaggio.

Perdita dell’udito: la perdita permanente dell’udito è rara e si verifica in circa 2 bambini su 10.000 che soffrono di otite media.

Paralisi facciale: prima degli antibiotici, questa complicanza debilitante si è verificata in circa 2 casi su 100 di otite media. Con il trattamento con antibiotici, il tasso è sceso a 1 su 2.000 casi. Circa il 95% dei pazienti con otite media che sviluppano la paralisi facciale guariscono completamente.

La terapia antibiotica ha notevolmente ridotto la frequenza delle complicanze dell’otite media”, hanno scritto Drs. Hutz, Moore e Hotaling. “Tuttavia, è di vitale importanza rimanere consapevoli del possibile sviluppo di complicanze neurologiche … Per ridurre la morbilità, è essenziale disporre tempestivamente di un approccio multidisciplinare con imaging immediato e studi di laboratorio per guidare una gestione appropriata della condizione”.

Fonte: Current Neurology and Neuroscience Reports

Altri articoli su infezioni delle orecchie