La vitamina D può proteggere contro la malattia periferica dell’arteria

Le persone con bassi livelli di vitamina D possono trovarsi di fronte un aumentato rischio di malattia arteriosa periferica (PAD), secondo i ricercatori dell’Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University.

PAD è una malattia comune che si verifica quando le arterie delle gambe si restringono a causa di  depositi di grasso, causando dolore e intorpidimento e compromettendo la capacità di camminare. PAD colpisce circa otto milioni di americani ed è associata a malattia significativa e  morte, secondo l’American Heart Association.

Adeguati livelli di vitamina D sono necessari per la salute delle ossa, ma gli scienziati stanno solo ora  iniziando ad esplorare il collegamento vitamina D’/malattie cardiovascolari.

“Sappiamo che nei topi, la vitamina D regola uno dei sistemi ormonali che influenzano la pressione sanguigna”, ha detto il Dott. Michal Melamed, autore principale dello studio e professore assistente presso il Dipartimento di Medicina ed Epidemiologia e Salute Popolazione a Einstein. “Dato che le cellule dei vasi sanguigni hanno recettori per la vitamina D, essa può influire direttamente sui vasi, anche se questa funzione  non è stata completamente esplorata .”

Per vedere se la vitamina D potrebbe influenzare PAD, il dottor Melamed e colleghi hanno analizzato i dati di un sondaggio nazionale che misura i livelli di vitamina D nel sangue di 4.839 adulti americani. Il sondaggio ha testato  persone che utilizzano l’ indice caviglia-brachiale, uno strumento di screening per la PAD che misura il flusso di sangue alle gambeed ha misurato anche stati altri fattori di rischio per la PAD, quali i livelli di colesterolo, la pressione sanguigna e la presenza di diabete.

I ricercatori hanno scoperto che alti livelli di vitamina D sono stati associati con una minore prevalenza di PAD. Tra gli individui con i più alti livelli di vitamina D – più di 29,2 nanogrammi per millilitro (ng / mL) – solo il 3,7 per cento ha avuto  la condizione di PAD. Tra quelli con i più bassi livelli di vitamina D – inferiore a 17,8 ng / mL – 8,1 per cento ha avuto la malattia.

Quando i ricercatori hanno aggiustato per età, sesso, razza e co-esistenti di problemi di salute, hanno scoperto che il 64 per cento di affetti da PAD era più frequente nel gruppo con i più bassi livelli di vitamina D rispetto al gruppo con i più alti livelli. Per ogni 10 ng / mL di calo del livello di vitamina D, il rischio di PAD è aumentato del 29 per cento.

Anche se questi risultati suggeriscono un ruolo della vitamina D nella prevenzione della condizione PAD, il dottor Melamed avverte che non necessariamente  i risultati mostrano che la vitamina D merita davvero  credito. E ‘possibile, dice, che i livelli di vitamina D sono un marker. Fa notare che per  dimostrare  una causa-effetto tra la vitamina D e la protezione contro PAD, sarà necessario un più ampio studio clinico randomizzato, in cui alcune persone ricevono la supplementazione di vitamina D, mentre altre no.

Gli scienziati hanno riportato i loro risultati sulla rivista  Arteriosclerosi dell’American Heart Association. 

Da  Albert Einstein College of Medicine .