HomeAlimentazione & BenessereIl digiuno intermittente e l'impatto sulla salute delle ossa

Il digiuno intermittente e l’impatto sulla salute delle ossa

Digiuno intermittente-Immagine Credit Public Domain-

Sebbene diversi studi abbiano indicato che il digiuno intermittente (IF) promuove la perdita di peso e migliora la salute metabolica, il suo effetto sulla salute delle ossa non è chiaro. Recentemente, gli scienziati hanno rivisto la letteratura esistente e riassunto l’effetto di varie forme di IF, come la dieta 5:2, il digiuno a giorni alterni (ADF) e l’alimentazione a tempo limitato (TRE/TRF), sulla salute delle ossa.

Questa recensione è disponibile nel British Journal of Nutrition.

- Advertisement -

In questo studio, gli autori hanno ottenuto articoli pertinenti dal database MEDLINE fino al 30 settembre 2022. L’impatto del digiuno intermittente sulla salute delle ossa è stato valutato sulla base di studi sugli animali e studi osservazionali e interventistici sull’uomo in popolazioni adulte.

Impatto del digiuno intermittente sulla salute umana

Sebbene il digiuno sia stato praticato per secoli durante eventi religiosi, come il Ramadan, il digiuno a breve termine è un fenomeno relativamente nuovo. Questo tipo di digiuno è noto anche come IF e ha iniziato a essere praticato nell’ultimo decennio. È un approccio non convenzionale per migliorare la salute metabolica e promuovere la perdita di peso. 

IF è diventato rapidamente popolare per il ridotto consumo calorico. Un recente sondaggio ha mostrato che negli Stati Uniti, un americano su quattro pensa di utilizzare o ha provato il digiuno intermittente. Inoltre, diversi studi sull’IF hanno rivelato che migliora sostanzialmente la sensibilità all’insulina e il profilo lipidico del sangue e abbassa la pressione sanguigna.

Rispetto al digiuno tradizionale, l’IF è associato alla restrizione energetica giornaliera. In questo caso, si verifica una restrizione energetica completa o sostanziale entro un periodo di tempo specifico, dopo il quale è consentito un’alimentazione adeguata o ad libitum.

Strumenti e tecniche di valutazione della salute delle ossa
- Advertisement -

È importante determinare l’impatto dell’IF su altri sistemi corporei, come il sistema scheletrico. La perdita di peso è associata a una riduzione della massa ossea che potrebbe influire sulla microstruttura ossea. La massa o la densità ossea, la forza e la struttura potrebbero essere analizzate utilizzando biomarcatori, misurazioni ossee o endpoint surrogati. 

Vedi anche:In che modo il digiuno intermittente allunga la durata della vita

L’assorbimetria a raggi X a doppia energia (DXA) è una tecnica comune utilizzata per determinare il contenuto minerale osseo (BMC) e la densità minerale ossea areale (aBMD). La tomografia computerizzata quantitativa periferica (pQCT) è un’altra tecnica utilizzata per misurare la geometria ossea e la BMD volumetrica (vBMD). I marcatori del turnover osseo (BTM) vengono utilizzati per valutare i cambiamenti nella formazione ossea e nei tassi di riassorbimento osseo.

Sono stati condotti studi sugli animali per comprendere l’effetto dell’IF sulla salute delle ossa. Questi studi hanno rivelato che il digiuno intermittente, oltre a una dieta ricca di grassi o chetogenica, ha influito negativamente sulla salute delle ossa. L’effetto di una dieta chetogenica con o senza ADF (ADF – Alternate Day Fasting) è stato studiato utilizzando un modello di ratto. Questo studio ha dimostrato che i ratti sottoposti ad ADF e una dieta chetogenica hanno mostrato inibizione nella proliferazione degli osteoclasti e nella differenziazione osteogenica. 

Rispetto al gruppo di controllo di ratti sottoposti a una dieta regolare, i ratti sottoposti alla dieta chetogenica ADF hanno mostrato una diminuzione della forza ossea e una scarsa salute generale delle ossa. Inoltre, il gruppo di controllo possedeva un ridotto riassorbimento osseo e livelli più elevati di marcatori di formazione ossea rispetto ai ratti sottoposti alla dieta chetogenica quotidiana e alla dieta chetogenica ADF.

Non sono stati trovati molti studi osservazionali relativi all’effetto dell’IF sulla salute delle ossa. Tuttavia, un’analisi trasversale non ha rivelato cambiamenti significativi nella BMD della colonna lombare o nella BMC totale del corpo negli adulti sani che seguivano l’ADF e in quelli che seguivano una dieta regolare. 

Un’altra analisi trasversale ha indicato che le giovani donne che saltavano la colazione circa tre volte alla settimana avevano una densità minerale ossea dell’anca inferiore rispetto a quelle che consumavano la colazione tutti i giorni. Uno studio longitudinale ha osservato che i giovani che saltavano la colazione quasi ogni giorno avevano una maggiore probabilità di subire una perdita ossea nella colonna lombare rispetto a quelli che consumavano la colazione ogni giorno.

Limitazioni nella comprensione dell’effetto dell’IF sulla salute delle ossa

L’attuale comprensione dell’effetto dell’IF sulla salute delle ossa è limitata a causa della mancanza di prove adeguate. Gli studi attuali hanno durate brevi comprese tra tre e sei settimane e la durata della sperimentazione è importante perché influisce sul peso corporeo e sugli effetti metabolici e scheletrici. Pertanto, in futuro, saranno necessarie prove di durata più lunga per valutare in che modo l’IF influisce correttamente sulle ossa durante la perdita di peso.

La maggior parte degli studi non hanno indagato l’effetto dell’IF sulla microstruttura ossea o sui rischi di frattura. Queste carenze nella ricerca esistente devono essere colmate in futuro.

Poiché la maggior parte degli studi disponibili includeva campioni di piccole dimensioni, i ricercatori non sono riusciti a determinare la differenza statisticamente significativa nei parametri ossei. Inoltre, gli autori hanno sottolineato la scarsità di ricerche che valutino gli effetti dei regimi IF sugli esiti ossei in gruppi vulnerabili, come le donne anziane e in postmenopausa.

Fonte:British Journal of Nutrition

ULTIMI ARTICOLI

Diete rompicapo: perché una dieta ricca di grassi potrebbe ridurre la capacità del cervello di regolare il consumo di cibo

Dieta-Immagine Credit Public Domain- I ricercatori suggeriscono che la regolazione delle calorie a breve termine è controllata dagli astrociti nel cervello. Una dieta ricca di...

Epatite cronica D: confermata l’efficacia di Bulevirtide

Epatite cronica D-Immagine Credit Public Domain- Nel 2020, Bulevirtide (BLV) è stato approvato in modo condizionale per il trattamento dell'epatite cronica delta (CHD), un'infiammazione del...

Depressione e microbioma intestinale: spiegato il collegamento

Depressione/intestino-Immagine: illustrazione dei batteri nell'intestino umano. Credito: Darryl Leja, National Human Genome Research Institute, National Institutes of Health. In esperimenti con topi e umani, un team...

Potente microscopio 3D Gigapixel cattura la vita con dettagli sbalorditivi

Microscopio 3D Gigapixel-Immagine Credit Nature- Dalla DUKE UNIVERSITY, 20 MARZO 2023 Un nuovo tipo di microscopio che unisce i video di dozzine di fotocamere più piccole può...

Cosa rende la malaria un nemico così astuto

Il Plasmodium falciparum, il parassita che causa la forma più mortale di malaria negli esseri umani, è un maestro evasore e ha schivato tutti...