Identificata una molecola con effetti anti-invecchiamento sul sistema vascolare

sistema vascolare

Una molecola prodotta durante il digiuno o la restrizione calorica ha effetti anti-invecchiamento sul sistema vascolare e potrebbero ridurre l’insorgenza e la gravità delle malattie umane legate ai vasi sanguigni, come le malattie cardiovascolari, secondo uno studio condotto dalla Georgia State University.

“Man mano che le persone invecchiano, sono più suscettibili alle malattie, come il cancro, le malattie cardiovascolari e il morbo di Alzheimer”, ha affermato il Dott. Ming-Hui Zou, autore senior dello studio, Direttore del Centro di medicina molecolare e traslazionale dello Stato della Georgia e una Georgia Research Alliance Eminent Scholar in Molecular Medicine. “L’ età è il cosiddetto fattore di rischio più importante per le malattie umane: come ritardare realmente l’invecchiamento è un importante percorso per ridurre l’incidente e la gravità della malattia umana. La parte più importante dell’invecchiamento è l’invecchiamento vascolare: quando le persone invecchiano, i vasi che riforniscono diversi organi sono i più sensibili e più soggetti a danni da invecchiamento, quindi studiare l’invecchiamento vascolare è molto importante. Questo studio si concentra sull’invecchiamento vascolare e sulla vecchiaia, che tipo di cambiamenti avvengono e come prevenire l’invecchiamento vascolare “.

In questo studio, il team di ricerca esplora il legame tra restrizione calorica (mangiare meno o digiuno) e ritardare l’invecchiamento, legame che è sconosciuto ed è stato studiato poco e male.

 I risultati dell ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Cell.

I ricercatori hanno identificato una molecola importante e piccola che viene prodotta durante il digiuno o le condizioni di restrizione calorica. La molecola, β-idrossibutirrato, è un tipo di un corpo chetone o una molecola solubile in acqua che contiene un gruppo chetone ed è prodotta dal fegato durante periodi di assunzione di cibo basso, diete restrittive di carboidrati, fame e intenso e prolungato esercizio.

( Vedi anche: Districato uno dei più grandi misteri del nostro sistema vascolare).

“Abbiamo trovato che questo composto, β-idrossibutirrato, può ritardare l’invecchiamento vascolare“, ha detto Zou. “Questa scoperta in realtà fornisce un collegamento chimico tra restrizione calorica e digiuno e l’effetto anti-invecchiamento. Questo composto può ritardare l’invecchiamento vascolare attraverso le cellule endoteliali che rivestono la superficie interna dei vasi sanguigni e i vasi linfatici. Può prevenire un tipo di invecchiamento cellulare chiamato senescenza o invecchiamento cellulare“.

Le cellule senescenti non possono più moltiplicarsi e dividersi. I ricercatori hanno scoperto che il β-idrossibutirrato può promuovere la divisione cellulare e impedire che queste cellule invecchino. Poiché questa molecola viene prodotta durante la restrizione calorica o il digiuno, quando le persone mangiano troppo o diventano obese, questa molecola viene probabilmente soppressa, il che accelererebbe l’invecchiamento.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il β-idrossibutirrato si lega a una determinata proteina legante l’RNA, questo aumenta l’attività di un fattore di cellule staminali chiamato fattore trascrizionale Octamer-legante (Oct4) nella muscolatura vascolare liscia e nelle cellule endoteliali nei topi.  L’oct 4 aumenta un fattore chiave contro la senescenza indotta dal danno del DNA che può mantenere giovani i vasi sanguigni.

“Riteniamo che questa sia una scoperta molto importante e stiamo lavorando per trovare una nuova sostanza chimica in grado di imitare l’effetto della funzione di questo corpo chetone”, ha detto Zou. “Stiamo cercando di adottare l’approccio globale per ridurre le malattie cardiovascolari e il morbo di Alzheimer. È difficile convincere le persone a non mangiare per le prossime 24 ore per aumentare la concentrazione di questo composto (β-idrossibutirrato) e non tutti possono farlo. Imitare questo effetto renderebbe la vita più piacevole e aiuterebbe a combattere le malattie. Questo fattore di cellule staminali (Oct4) potrebbe essere un obiettivo farmaceutico o farmacologico per rallentare o prevenire l’invecchiamento, quindi, se il sistema vascolare diventa più giovane, è meno probabile che sviluppi malattie cardiovascolari, il morbo di Alzheimer e il cancro perché tutte queste malattie sono età-correlate“.

In futuro, i ricercatori vorrebbero agire sulle cellule senescenti con l’obiettivo di eliminarle e ringiovanire il sistema vascolare per prevenire le malattie cardiovascolari.

Fonte: Georgia State University News 

Altri articoli su sistema vascolare