Gli scienziati ottengono quantità industriali di composti del vino rosso e soia dai pomodori

pomodori,resveratrolo
I ricercatori, dal Centro John Innes nel Regno Unito, hanno scoperto un modo per produrre quantità industriali di due composti naturali del vino rosso, dai pomodori: il resveratrolo fenilpropanoidi e genisteina, secondo la ricerca pubblicata in Nature Communications.

Il resveratrolo è noto per il suo potenziale di estendere la durata della vita come dimostrato in studi su animali e si trova nella buccia dell’uva rossa e nel vino. E’ stato collegato a ridotto rischio di malattia cardiaca e alla prevenzione del cancro. Precedenti studi hanno anche scoperto che protegge contro la perossidazione lipidica delle membrane cellulari e danni al DNA causati dalle specie reattive dell’ossigeno, che contribuiscono allo stress ossidativo.

La Genisteina si trova nella soia. I test hanno dimostrato che può aiutare a prevenire i tumori ormone steroide-correlati, in particolare il il cancro al seno e che potrebbe contribuire a migliorare la risposta immunitaria del corpo.

I vantaggi di 50 bottiglie di vino rosso in un pomodoro

Il Dr. Yang Zhang e colleghi hanno trovato un modo per ottenere da un pomodoro la stessa quantità di resveratrolo presente in 50 bottiglie di vino rosso o la stessa quantità di genisteina presente in 2,5 kg di tofu.

Essi hanno studiato l’effetto di una proteina chiamata AtMYB12, che si trova nell’ Arabidopsis thaliana – una pianta che cresce nella maggior parte dei giardini  e viene utilizzata come pianta modello nella ricerca scientifica.

La proteina AtMYB12 attiva un’ampia gamma di geni coinvolti in vie metaboliche responsabili della produzione di composti naturali che sono utili per la pianta.

AtMYB12 è in grado di aumentare o ridurre la produzione di composti naturali, a seconda della quantità della proteina presente.

Quando la proteina è stata introdotta in una pianta di pomodoro,ha avuto due effetti.

In primo luogo, ha aumentata la capacità della pianta di produrre composti naturali attivando la produzione di fenilpropanoide. In secondo luogo,ha  influenzato la quantità di energia e carbonio nella pianta utilizzata per la produzione di questi composti naturali.

Aggiunta di proteina ​​e geni producono 80 gr di nuovo composto

In risposta alla proteina, le piante di pomodoro hanno cominciato a produrre più fenilpropanoidi e flavonoidi.

Quando gli scienziati hanno introdotto  AtMYB12 e geni di piante codificanti enzimi specifici per la produzione di  resveratrolo nella vite e genisteina nei legumi, i pomodori hanno prodotto fino a 80 mg di composto per grammo di peso secco, indicando che la produzione su larga scala è possibile.

I pomodori sono tra le colture ad alto rendimento. Essi producono fino a 500 tonnellate per ettaro e richiedono relativamente poco impegno nella coltivazione.

Pertanto, la produzione di composti di valore elevato come il resveratrolo o la genisteina grazie ai  pomodori potrebbe essere un modo più economico di produzione che sostituisce la sintesi artificiale in laboratorio dei composti o l’estrazione di piccole quantità da fonti vegetali tradizionali, come uva e soia.

I composti di valore possono essere estratti dal succo di pomodoro.

Il Dottor Zhang ha detto:

“Piante medicinali ad alto valore sono spesso difficili da coltivare e gestire e hanno bisogno di tempi molto lunghi di coltivazione per produrre i composti desiderati.

La nostra ricerca fornisce una piattaforma fantastica per produrre rapidamente questi composti medicinali di valore nei pomodori. […] Crediamo che la nostra idea potrebbe essere applicata anche ad altri composti, come i terpenoidi e alcaloidi, che sono i principali gruppi di composti medicinali dalle piante “.

La Prof.ssa Cathie Martin, nel cui laboratorio è stata svolta la ricerca, ritiene che lo studio fornisce uno strumento generale per la produzione di composti fenilpropanoidi importanti su scala industriale nelle piante. E aggiunge che potrebbe essere utilizzato per creare altri prodotti derivati ​​da amminoacidi aromatici.

Fonte: http://www.medicalnewstoday.com/articles/301504.php

Altri articoli su pomodori, resveratrolo