Fumare in gravidanza aumenta il rischio di schizofrenia nella prole

0
7

Immagine: differenze di attività cerebrale nelle persone con diagnosi di schizofrenia. L’immagine mostra due livelli del cervello, con una zona più attiva nei controlli sani che nei pazienti schizofrenici mostrati in arancione, durante uno studio di risonanza magnetica funzionale della memoria di lavoro. Credit. Kim J, Matthews NL, Parco S./PLoS One.

Uno studio condotto da ricercatori della Mailman School of Public Health, Columbia University Medical Center (CUMC), New York Psychiatric Institute della Columbia University e colleghi in Finlandia, indica un’associazione tra fumo durante la gravidanza e aumento del rischio di schizofrenia nei bambini.

Lo studio ha valutato circa 1000 casi di schizofrenia e controlli appaiati tra i figli nati in Finlandia tra il 1983-1998, nascite accertate dal registro nazionale del paese. I risultati hanno mostrato che un elevato livello di nicotina nel sangue materno è  associato ad un aumento del rischio di schizofrenia tra loro prole. I risultati persistono anche dopo aggiustamenti per fattori confondenti. Lo studio fornisce la prova definitiva ad oggi, che il fumo in gravidanza è associato al rischio di schizofrenia nella prole .

I risultati dello studio sono stati pubblicati on-line nel Journal of Psychiatry .

Pesante esposizione alla nicotina materna è associata ad un aumento del 38 per cento delle probabilità di schizofrenia nella prole.

“A nostra conoscenza, questo è il primo studio a base di biomarker che mostra una relazione tra l’esposizione alla nicotina del feto e la schizofrenia”, ha detto Alan Brown, MD, MPH, autore senior, Professore di epidemiologia alla Mailman School  e Professore di psichiatria clinica CUMC. “Abbiamo impiegato un campione nazionale con il più alto numero di casi di schizofrenia fino ad oggi utilizzati in uno studio di questo tipo”.

I ricercatori hanno analizzato i dati da un’ampia coorte nazionale di dati da donne in gravidanza che hanno partecipato al Finnish Prenatal Study of Schizophrenia che ha archiviato oltre 1 milione di campioni di siero prenatale dal 1983.

Il fumo pesante, sulla base di cotinina, un marker affidabile di nicotina nel siero materno, è stato segnalato nel 20 per cento delle madri .

E’ noto che fumare durante la gravidanza può causare problemi significativi al feto e successivamente al neonato, come basso peso alla nascita e difficoltà di attenzione. La nicotina attraversa rapidamente la placenta e va nella circolazione sanguigna del feto. Incide in particolare sullo sviluppo del cervello del feto, causando cambiamenti a breve e lungo termine nella cognizione e potenzialmente, contribuisce ad altre anomalie dello sviluppo neurologico.

Ha detto Brown: “Futuri studi sul fumo materno e altri fattori ambientali, genetici ed epigenetici, così come modelli animali, dovrebbero consentire l’identificazione dei meccanismi biologici responsabili di tale associazione”.

Infine, è interessante esaminare la cotinina materna in relazione al disturbo bipolare, autismo e altri disturbi psichiatrici. In un precedente studio da una diversa coorte di nascita, riportato anche nell’ American Journal of Psychiatry , il Dr. Brown e colleghi hanno scoperto che i figli di madri che hanno riferito di fumare durante la gravidanza, hanno un aumentato rischio di disturbo bipolare.

Fonte: Medicalxpress