Categorie: Occhi

Elmiron, farmaco per la vescica, potrebbe essere associato a danno alla retina

Elmiron, un farmaco ampiamente prescritto per una condizione della vescica da decenni, ora sembra essere tossico per la retina, il tessuto sensibile alla luce nella parte posteriore dell’occhio che ci consente di vedere.

Dopo un primo rapporto dell’anno scorso che Elmiron (polisolfato di pentosano sodico) potrebbe essere associato a un danno alla retina, tre oftalmologi hanno condotto una revisione dei pazienti al Kaiser Permanente nel nord della California. Hanno scoperto che circa un quarto dei pazienti con una significativa esposizione a Elmiron mostrava chiari segni di danni agli occhi e che questa tossicità del farmaco poteva mascherarsi con altre condizioni retiniche conosciute, come la degenerazione maculare legata all’età o la distrofia del modello.

La ricerca sarà presentata oggi all’AAO 2019, il 123 ° Meeting annuale dell’American Academy of Ophthalmology.

La cistite interstiziale provoca dolore cronico nella zona della vescica e del bacino. Si stima che oltre 1 milione di persone negli Stati Uniti, principalmente donne, abbiano questa condizione. Elmiron è l’unico farmaco approvato dalla FDA per trattarla. Come elemento base del trattamento per decenni, centinaia di migliaia di persone sono state probabilmente esposte al farmaco.

L’anno scorso, Nieraj Jain, MD, dell’Emory Eye Center di Atlanta, in Georgia, ha riferito che sei pazienti che avevano assunto Elmiron per circa 15 anni avevano sviluppato cambiamenti insoliti nella loro macula, la parte centrale della retina responsabile della visione centrale. Poiché nulla nell’anamnesi dei pazienti o nei test diagnostici ha spiegato il modello sottile, ma sorprendente di anomalie, il Dott. Jain e i suoi colleghi hanno lanciato un segnale di avvertimento che l’uso a lungo termine di Elmiron può danneggiare la retina.

Robin A. Vora, MD, Amar P. Patel, MD e Ronald Melles MD, oculisti del Kaiser Permanente, hanno seguito quell’avvertimento e osservato la loro popolazione di pazienti. Inizialmente hanno trovato una donna in trattamento a lungo termine a cui era stata diagnosticata erroneamente una distrofia retinica. Questo preoccupante caso li ha spinti a esaminare l’intero database del Kaiser di 4,3 milioni di pazienti.

Hanno trovato 140 pazienti che avevano assunto in media 5.000 pillole di Elmiron ciascuno nel corso di 15 anni. Di quei 140 pazienti, 91 hanno accettato di essere sottoposti ad un esame. Drs. Vora, Patel e Melles hanno rilevato le immagini dettagliate della parte posteriore dei loro occhi e poi hanno diviso le immagini in tre categorie: normale, possibile anomalia, definita anomalia. Ventidue dei 91 pazienti hanno mostrato chiari segni di tossicità da farmaco. Il tasso di tossicità è aumentato con la quantità di farmaco consumata, dall’11 percento nei pazienti che assumevano da 500 a 1.000 grammi, al 42 percento in quelli che assumevano 1.500 grammi o più.

La Dott.ssa Vora raccomanda ai pazienti che assumono Elmiron e non mostrano segni di tossicità di sottoporsi a screening per danni alla retina almeno una volta all’anno. Per coloro che mostrano alcuni segni di danno, raccomanda di parlare con il proprio urologo per interrompere la terapia.

La buona notizia è che se identificato in anticipo, il danno può essere mitigato interrompendo il trattamento. Nella fase avanzata, la tossicità può imitare la degenerazione maculare atrofica secca correlata all’età e provocare una perdita permanente della vista.

Fonte, Science Daily

Share

Post recenti

Gli scienziati riescono a colpire la leucemia mieloide acuta alla radice

Gli scienziati del Peter Mac Cancer Centre, hanno trovato un modo per colpire la leucemia mieloide acuta (LMA) alla fonte,…

21 ore fa

Editing genetico utilizzato per annientare l’herpes virus

Il virus dell'herpes simplex, comunemente noto come virus dell'herpes labiale, è un microbo subdolo. Entra nel corpo attraverso regioni rivestite…

21 ore fa

Molti disturbi psichiatrici derivano da geni comuni

Molte distinte malattie psichiatriche condividono una struttura genetica comune, secondo una nuova ricerca degli scienziati del Massachusetts General Hospital (MGH)…

22 ore fa

Perchè farmaci inibitori di TFN comportano un rischio di infezioni gravi

Immagine, Credit: University of Michigan. Gli scienziati della University of Michigan hanno scoperto perchè farmaci inibitori di TFN comportano un…

22 ore fa

Nuova terapia del cancro porta a intuizioni nuove sul lupus

Immagine, i campioni di pelle di pazienti con lupus mostrano una maggiore attività nei geni del sistema immunitario. Credito: Chen…

2 giorni fa

Dormi più di nove ore a notte? Il rischio di ictus potrebbe essere più elevato

Immagine, Un coagulo di sangue si forma nell'arteria carotide. Credito: copyright American Heart Association Le persone che fanno lunghi pisolini…

2 giorni fa