Home Salute Cuore e circolazione Diete povere di carboidrati legate alla fibrillazione atriale

Diete povere di carboidrati legate alla fibrillazione atriale

Le diete povere di carboidrati sono collegate alla fibrillazione atriale, secondo un nuovo studio presentato all’ American College of Cardiology’s 68a sessione scientifica annuale e realizzato dll’Ospedale affiliato all’Università Sun Yat-Sen a Guangzhou, in Cina .

Diete povere di carboidrati sono di gran moda, ma la restrizione dei carboidrati può causare problemi al cuore? Le persone che ricevono una bassa proporzione delle loro calorie giornaliere da carboidrati come cereali, frutta e verdure amidacee hanno una maggiore probabilità di sviluppare la fibrillazione atriale (AFib), il disturbo del ritmo cardiaco più comune. 

Fibrillazione atriale - Credito immagine: Joshya / Shutterstock

Fibrillazione atriale – Credito immagine: Joshya / Shutterstock

Lo studio, che ha analizzato le cartelle cliniche di quasi 14.000 persone che coprono più di due decenni, è il primo e il più grande a valutare la relazione tra l’assunzione di carboidrati e fibrillazione atriale, un tipo di aritmia che può portare a palpitazioni, vertigini e stanchezza. Le persone con fibrillazione atriale hanno cinque volte più probabilità di avere un ictus rispetto alle persone senza la condizione e rischio di insufficienza cardiaca.

Vedi anche Nuova comprensione della fibrillazione atriale.

Limitare i carboidrati è diventato una strategia di perdita di peso popolare negli ultimi anni. Ci sono molte diete a basso contenuto di carboidrati tra cui le diete chetogeniche, paleo e Atkins che enfatizzano le proteine ​​limitando l’assunzione di zuccheri, cereali, legumi, frutta e verdure amidacee.

“L’effetto a lungo termine della restrizione dei carboidrati è ancora controverso, soprattutto per quanto riguarda la sua influenza sulle malattie cardiovascolari“, ha detto Xiaodong Zhuang, cardiologo presso l’Ospedale affiliato all’Università Sun Yat-Sen a Guangzhou, in Cina e autore principale dello studio. “Considerando la potenziale influenza sull’aritmia, il nostro studio suggerisce che questo popolare metodo di controllo del peso dovrebbe essere raccomandato con cautela“.

I risultati completano studi precedenti, molti dei quali hanno associato diete a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di carboidrati ad un aumentato rischio di morte. 

“Le diete a basso contenuto di carboidrati sono state associate ad un aumento del rischio di fibrillazione atriale, indipendentemente dal tipo di proteina o grasso utilizzato per sostituire i carboidrati“, ha detto Zhuang.

I ricercatori hanno estratto i dati sul rischio di aterosclerosi nelle comunità (ARIC), uno studio supervisionato dal National Institutes of Health, dal 1985-2016. Delle quasi 14.000 persone che non avevano avuto la fibrillaazione atriale quando si sono arruolate allo studio, i ricercatori hanno identificato circa 1.900 partecipanti che sono stati successivamente diagnosticati con fibrillazione atriale durante una media di 22 anni di follow-up.

Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di segnalare l’assunzione giornaliera di 66 diversi prodotti alimentari in un questionario. I ricercatori hanno utilizzato queste informazioni insieme al database dei nutrienti di Harvard per stimare l’ assunzione giornaliera di carboidrati di ogni partecipante e la percentuale di calorie giornaliere derivante dai carboidrati. In media, i carboidrati comprendevano circa la metà delle calorie consumate. Le linee guida dietetiche per gli americani raccomandano che i carboidrati costituiscano il 45-65% del consumo calorico giornaliero totale.

I ricercatori hanno poi diviso i partecipanti in tre gruppi che rappresentano un basso, moderato e alto apporto di carboidrati, che riflettono diete in cui i carboidrati comprendevano meno del 44,8% delle calorie giornaliere, 44,8-52,4% delle calorie e più del 52,4% delle calorie, rispettivamente.

I partecipanti che hanno riportato un basso apporto di carboidrati hanno avuto la maggiore probabilità di sviluppare la fibrillazione atriale. Questi partecipanti avevano il 18% in più di probabilità di sviluppare lafibrillazione atriale rispetto a quelli con un consumo moderato di carboidrati e il 16% in più di probabilità di sviluppare la fibrillazione atriale rispetto a quelli con un’assunzione elevata di carboidrati.

‘Diversi meccanismi potenziali potrebbero spiegare perché la limitazione dei carboidrati potrebbe portare alla fibrillazione atriale’, ha detto Zhuang. ‘Una è che le persone che seguono una dieta a basso contenuto di carboidrati tendono a mangiare meno verdura, frutta e cereali – cibi che sono noti per ridurre l’infiammazione. Senza questi alimenti le persone potrebbero sperimentare più infiammazione, che è stata collegata con l’AFib. Un’altra possibile spiegazione è che mangiare più proteine ​​e grassi al posto dei cibi ricchi di carboidrati può portare a stress ossidativo, che è stato anche associato con l fibrillazione atriale. Infine, l’effetto potrebbe essere correlato ad un aumentato rischio di altre forme di malattia cardiovascolare’.

La ricerca mostra un’associazione, ma non può provare causa ed effetto. E’ necessario uno studio controllato randomizzato per confermare la relazione tra l’assunzione di carboidrati e fibrillazione atriale e valutare l’effetto in una popolazione etnicamente diversa. Inoltre, nello studio non c’è traccia di partecipanti con asintomatica fibrillazione atriale o di coloro che avevano la fibrillazione atriale, ma non sono mai stati ricoverato in un ospedale, né ha indagato diversi sottotipi di fibrillazione atriale. Lo studio inoltre, non ha tenuto conto di eventuali cambiamenti nella dieta, dopo che i partecipanti avevano completato il questionario.


ULTIMI ARTICOLI

Identificata la proteina che causa le convulsioni

Immagine: Public Domain. Gli scienziati, guidati da un ricercatore biomedico dell'Università della California, Riverside, hanno identificato un nuovo meccanismo responsabile dello sviluppo anormale delle connessioni neuronali...

Nuova luce sui meccanismi responsabili dell’emicrania familiare

Immagine: Public Domain. I neuroscienziati dell'Università di Zurigo hanno gettato una nuova luce sui meccanismi responsabili dell'emicrania familiare: hanno dimostrato che una disfunzione genetica in...

L’ananas potrebbe essere una nuova arma contro COVID-19?

Immagine: Public domain. I risultati di una recente ricerca negli Stati Uniti indicano che il gambo di ananas ricco di bromelina può essere utilizzato come agente...

Gli acidi biliari stimolano la rigenerazione intestinale

Immagine:Cripte intestinali di topo. Credito: K. Schoonjans (EPFL). I ricercatori dell'EPFL hanno fatto una scoperta sorprendente su come gli acidi biliari agiscono come molecole di...

L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

Immagine:SARS-CoV-2 (mostrato qui in un'immagine al microscopio elettronico). Credito: Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, NIH. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA), venerdì 18 settembre...