Una dieta povera di zinco danneggia la digestione

digestione,zinco
Lo zinco ha un impatto sulle funzioni metaboliche essenziali della maggior parte degli organismi viventi.

Una nuova ricerca condotta dalla Chair of Animal Nutrition alla Technical University di Monaco (TUM)  ha trovato che la mancanza anche minima di zinco compromette la digestione, pur senza sintomi tipici. Quindi, la carenza di zinco  nella dieta dovrebbe essere evitata.

Una serie di test hanno stabilito che anche lieve carenza di zinco nella dieta di un animale impedisce l’attività digestiva del pancreas. Lo studio condotto da Daniel Brugger della  TUM, è stato recentemente pubblicato dal British Journal of Nutrition .

Lo scienziato Brugger ha tracciato una nuova via di ricerca in quanto tutti gli studi precedenti avevano confrontato le funzioni di animali con la carenza di zinco con quelle di animali che avevano una quantità adeguata di questo oligoelemento, nei loro corpi.

È importante notare che, in natura, la carenza clinica di zinco clinica non si verifica realmente, né negli animali né nell’uomo“, spiega Brugger che ha  condotto il suo studio su animali con carenza subclinica di zinco, a breve termine. [ leggi anche I sintomi che rivelano la carenza di zinco ]

Poichè questo oligoelemento esiste solo in piccole quantità nell’organismo, deve essere assunto mediante la dieta. Nei suini piccoli, per esempio, una carenza di zinco clinica può manifestarsi solo dopo una decina di giorni. Questo è il motivo per cui Brugger ha concluso la sua serie di test in anticipo, dopo soli otto giorni.

Come funziona il metabolismo quando reagisce a una carenza di zinco?

All’inizio la carenza di zinco si verifica senza sintomi visibili, ma i cambiamenti possono essere identificati nel fegato e nel sangue. Ai fini di questo studio, i piccoli suini che erano stati appena svezzati, sono stati alimentati con una dieta contenente varie quantità di zinco per far sviluppare una carenza di zinco in stadio precoce. Questo era l’unico modo per gli scienziati, di tracciare e analizzare gli effetti della carenza di zinco sul metabolismo degli animali. Da un lato, si è osservato che il corpo ha cercato di assorbire lo zinco in modo più efficiente, mentre dall’altro, ha ridotto l’escrezione pancreatica di zinco.

Dal momento che la carenza clinica di zinco riduce l’appetito negli animali, dalle sperimentazioni sono derivate varie ipotesi. Ad esempio, che la carenza di zinco ha un impatto diretto sul nervo vago. Il vero motivo dell’inappetenza. Tuttavia, la spiegazione dell’inappetenza può essere molto più semplice: l’accumulo di cibo non digerito all’interno del tratto gastrointestinale, a causa di risultati di carenza di zinco, causa una minore sensazione di fame“, dice Brugger.

Il pancreas necessita di zinco per la digestione

Il pancreas è il centro di controllo della digestione e l’omeostasi. Esso secerne lo zinco nel tratto gastrointestinale al fine di mantenere un livello di zinco stabile. Viceversa, se un organismo è povero di zinco, riduce la sua escrezione pancreatica al minimo. Il punto di partenza per lo studio di Daniel Brugger era l’ipotesi che questo meccanismo può essere correlato alla digestione.

“Abbiamo dimostrato che esiste una correlazione diretta tra la quantità di enzimi digestivi all’interno pancreas ed i livelli di zinco nell’organismo, nel suo complesso”, spiega Brugger. “. Anche brevi intervalli di carenza di zinco nella dieta, dovrebbero pertanto essere evitati. Date le somiglianze tra l’organismo di maiale e l’organismo umano, i risultati ottenuti possono essere applicati anche all’uomo”.

Brugger consiglia vegani, vegetariani e gli anziani, di monitorare la loro assunzione di zinco. Tra le altre cose, una carenza subclinica di zinco negli esseri umani è stata attribuita ad un aumento dei livelli dei marcatori di infiammazione e ridotta immunità.

Fonte: TUM

Altri articoli su digestione, zinco



Una dieta povera di zinco danneggia la digestione

Lo zinco ha un impatto sulle funzioni metaboliche essenziali della maggior parte degli organismi viventi.

Una nuova ricerca condotta dalla Chair of Animal Nutrition alla Technical University di Monaco (TUM)  ha trovato che la mancanza anche minima di zinco compromette la digestione, pur senza sintomi tipici. Quindi, la carenza di zinco  nella dieta dovrebbe essere evitata.

Una serie di test hanno stabilito che anche lieve carenza di zinco nella dieta di un animale impedisce l’attività digestiva del pancreas. Lo studio condotto da Daniel Brugger della  TUM, è stato recentemente pubblicato dal British Journal of Nutrition .

Lo scienziato Brugger ha tracciato una nuova via di ricerca in quanto tutti gli studi precedenti avevano confrontato le funzioni di animali con la carenza di zinco con quelle di animali che avevano una quantità adeguata di questo oligoelemento, nei loro corpi.

“È importante notare che, in natura, la carenza clinica di zinco clinica non si verifica realmente, né negli animali né nell’uomo”, spiega Brugger che ha  condotto il suo studio su animali con carenza subclinica di zinco, a breve termine.

Poichè questo oligoelemento esiste solo in piccole quantità nell’organismo, deve essere assunto mediante la dieta. Nei suini piccoli, per esempio, una carenza di zinco clinica può manifestarsi solo dopo una decina di giorni. Questo è il motivo per cui Brugger ha concluso la sua serie di test in anticipo, dopo soli otto giorni.

Come funziona il metabolismo quando reagisce a una carenza di zinco?

All’inizio,  l’ esaurimento di zinco si verifica senza sintomi visibili, ma i cambiamenti possono essere identificati nel fegato e nel sangue. Ai fini di questo studio, i piccoli suini che erano stati appena svezzati, sono stati alimentati con una dieta contenente varie quantità di zinco al fine sviluppare carenza di zinco in stadio precoce. Questo era l’unico modo per gli scienziati, di tracciare e analizzare gli effetti della carenza di zinco sul metabolismi degli animali. Da un lato, si è osservato che il corpo ha cercato di assorbire lo zinco in modo più efficiente, mentre dall’altro, ha ridotto l’escrezione pancreatica di zinco.

” Dal momento che la carenza clinica di zinco riduce l’appetito negli animali, dalle sperimentazioni sono derivate varie ipotesi. Ad esempio, che la carenza di zinco ha un impatto diretto sul nervo vago. Il vero motivo dell’inappetenza. Tuttavia, la spiegazione dell’inappetenza può essere molto più semplice: l’accumulo di cibo non digerito all’interno del tratto gastrointestinale, a causa di risultati di carenza di zinco, causa una minore sensazione di fame “, dice Brugger.

Il pancreas richiede zinco per la digestione

Il pancreas è il centro di controllo della digestione e l’omeostasi. Esso secerne lo zinco nel tratto gastrointestinale al fine di mantenere un livello di zinco stabile. Viceversa, se un organismo è povero di zinco, riduce la sua escrezione pancreatica al minimo. Il punto di partenza per lo studio di Daniel Brugger era l’ipotesi che questo meccanismo può essere correlato alla digestione.

“Abbiamo dimostrato che esiste una correlazione diretta tra la quantità di enzimi digestivi all’interno pancreas ed i livelli di zinco nell’organismo, nel suo complesso”, spiega Brugger. “. Anche brevi intervalli di carenza di zinco nella dieta, dovrebbero pertanto essere evitati. Date le somiglianze tra l’organismo di maiale e l’organismo umano, i risultati ottenuti possono essere applicati anche all’uomo”.

Brugger consiglia vegani, vegetariani e gli anziani, di monitorare la loro assunzione di zinco. Tra le altre cose, una carenza subclinica di zinco negli esseri umani è stata attribuita ad un aumento dei livelli dei marcatori di infiammazione e ridotta immunità.

Fonte: TUM