HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: cosa ci dicono gli EEG sul cervello

COVID 19: cosa ci dicono gli EEG sul cervello

Immagine: Public Domain.

Durante la pandemia, gli operatori sanitari non hanno visto solo i polmoni colpiti da COVID 19. I medici hanno segnalato complicazioni neurologiche tra cui ictus, mal di testa e convulsioni, ma le informazioni sono limitate a un numero di segnalazioni individuali che non riflettono una popolazione più ampia.

I ricercatori del Baylor College of Medicine e dell’Università di Pittsburgh hanno raccolto più di 80 studi, esaminato i dati e identificato punti in comune che stanno aiutando a dipingere un quadro più ampio di come COVID-19 influenza il cervello.

- Advertisement -

I risultati, pubblicati su Seizure: European Journal of Epilepsy, si sono concentrati sulle anomalie dell’elettroencefalogramma (EEG) del cervello. L’EEG è un test utilizzato per valutare l’attività elettrica nel cervello. I ricercatori hanno scoperto che circa un terzo dei pazienti sottoposti a un EEG aveva una neuroimaging anormale localizzata nel lobo frontale del cervello. “ Abbiamo trovato più di 600 pazienti che sono stati colpiti in questo modo e possiamo dire con sicurezza che c’è una connessione tra COVID 19 e anomalie rilevate dall’ECG in questi pazienti”, dice il Dr. Zulfi Haneef, assistente professore di neurologia / neurofisiologia presso il Baylor.

I risultati più comuni dell’EEG sono stati scariche elettriche rallentate o anormali, soprattutto nel lobo frontale. “Come sappiamo, il cervello è un organo che non può rigenerarsi, quindi se hai qualche danno sarà molto probabilmente permanente o non ti riprenderai completamente”, aggiunge il ricercatore che ha trovato interessante la posizione dell’attività anormale.” Sappiamo che il punto di ingresso più probabile del virus è il naso, quindi sembra esserci una connessione tra il naso e la parte del cervello che si trova direttamente accanto a quel punto di ingresso. Un’altra osservazione interessante è stata che l’età media delle persone colpite era di 61 anni, un terzo dei quali erano donne e due terzi erano uomini. Ciò suggerisce che il coinvolgimento del cervello in COVID 19 potrebbe essere più comune negli uomini anziani. Sono necessarie ulteriori ricerche, ma questi risultati ci mostrano che queste sono aree su cui concentrarsi mentre andiamo avanti negli studi”, dice  il Dr. Zulfi Haneef. “Potrebbe non essere sempre il virus che agisce direttamente sul cervello a causare le letture di EEG anormali”, ha aggiunto. “Potrebbe essere l‘assunzione di ossigeno, problemi cardiaci legati al COVID-19 o un altro tipo di effetto collaterale”.

Vedi anche:COVID 19: la Fluvoxamina può prevenire complicazioni gravi nei pazienti

Questi risultati dicono che bisogna sottoporre a ECG, così come ad altri tipi di imaging cerebrale come le scansioni MRI o TC che ci daranno uno sguardo più da vicino del lobo frontale, un numero ampio di pazienti. Molte persone pensano che si ammaleranno, guariranno e tutto tornerà alla normalità, ma questi risultati suggeriscono che potrebbero esserci problemi a lungo termine, che c’è qualcosa che abbiamo sospettato e stiamo trovando ulteriori prove a sostegno dei nostri sospetti.

- Advertisement -

Haneef ha lavorato a stretto contatto con il Dr. Arun Antony presso l’Università di Pittsburgh. Haneef è anche impegnato con il Michael E. DeBakey VA Medical Center.

Fonte: Baylor College of Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...