Home Salute Virus e parassiti COVID-19: cani da fiuto stanno già lavorando all'aeroporto di Helsinki

COVID-19: cani da fiuto stanno già lavorando all’aeroporto di Helsinki

Immagine: i cani sono incredibilmente in grado di rilevare l’odore unico di COVID-19: il loro addestramento è abbastanza veloce. Credito immagine: Austin Kirk tramite Wikimedia (CC BY 2.0).

I cani hanno nasi incredibilmente sensibili. In effetti, sono così sensibili che possono rilevare determinate malattie solo annusando le persone. Ora, nel bel mezzo della pandemia globale, quattro cani stanno lavorando all’aeroporto di Helsinki-Vantaa cercando di rilevare persone con COVID-19. I test condotti presso l’Università di Helsinki mostrano che i cani possono rilevare il virus SARS-CoV-2 in modo molto rapido ed efficiente.

In futuro i cani annuseranno gli umani per vedere se hanno o meno COVID-19. Per ora i cani stanno annusando campioni invece che umani direttamente. Durante questo test all’aeroporto di Helsinki-Vantaa tutti i passeggeri e il personale aeroportuale possono cercare di essere testati, ma il processo sarà migliorato una volta che la legge consentirà l’uso dei test ufficiali del coronavirus con cani guida.

- Advertisement -

Vedi anche: L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

C’è così tanto a cui pensare quando si impiegano cani per un lavoro così importante! Prima di tutto, alcune persone potrebbero essere allergiche ai cani, che è uno dei motivi per cui ora un cane sentirà solo l’odore di campioni prelevati dalla pelle e non direttamente dalle persone. I cani stessi sono tutti diversi e devono essere preparati a lavorare in aeroporti rumorosi e affollati. Alcuni cani si adattano abbastanza rapidamente a lavorare in tali ambienti, altri sono più adatti a lavorare in laboratori silenziosi.

Nel frattempo la procedura è abbastanza semplice. Una persona entra nella stazione di campionamento e si tocca la pelle secondo le istruzioni. Le informazioni personali non vengono raccolte presso la stazione di campionamento. I cani e il suo addestratore stanno aspettando dietro un muro. Una volta che il cane ha valutato il campione, il passeggero è libero di andare se i risultati sono negativi o viene indirizzato alla stazione di informazioni sanitarie dell’Ospedale universitario di Helsinki se viene rilevato il coronavirus. I cani in prova non possono sviluppare COVID-19: i cani sono praticamente immuni a questa malattia.

Gli studi hanno dimostrato che i cani sono in grado di trovare pazienti positivi per COVID-19 con una precisione di circa il 94-100%. Inoltre, possono identificare il coronavirus negli esseri umani prima di quanto possano fare i test di laboratorio, anche se non ci sono ancora sintomi. Ma la cosa migliore è che svolgono il loro lavoro molto rapidamente: bastano solo un paio di minuti perché un cane controlli diverse persone, mentre potrebbero essere necessarie ore nei test di laboratorio.

- Advertisement -

Per ora, poiché le leggi non consentono di utilizzare i cani in questo modo, questo è solo un grande esperimento. Tuttavia, gli scienziati sperano che questo metodo possa essere introdotto presto, in particolare in aree molto trafficate, come gli aeroporti. Ciò aiuterebbe a testare molte persone nel più breve tempo possibile, aiutando anche le persone a rimanere al sicuro. Addestrare un cane a rilevare COVID 19 richiede diversi mesi di addestramento e dopo addestrati potrebbero essere distribuiti in molte posizioni diverse molto rapidamente.

Fonte: Università di Helsinki

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: sviluppati a tempo di record sono sicuri?

Immagine: Vaccini COVID 19.Questa immagine al microscopio elettronico a scansione mostra SARS-CoV-2 (giallo), isolato da un paziente, che emerge dalla superficie delle cellule (blu...

Invecchiamento: ossigeno iperbarico inverte il processo

Immagine: Invecchiamento: Cromosomi umani (grigi) ricoperti da telomeri (bianchi). Credito: PD-NASA; PD-USGOV-NASA Invecchiamento: i trattamenti con ossigeno iperbarico (HBOT) negli adulti sani possono fermare l'invecchiamento delle cellule...

Sclerosi multipla: remissione da cellule immunitarie intestinali

Immagine: Sclerosi multipla. Credit:Public Domain. Le cellule immunitarie intestinali viaggiano verso il cervello durante le riacutizzazioni della sclerosi multipla (SM), secondo un team di ricerca...

COVID 19: primi dettagli del danno cerebrale

Immagine: COVID 19, Credit: Public Domain. Sebbene sia principalmente una malattia respiratoria, l'infezione da COVID-19 colpisce altri organi, incluso il cervello. Uno dei primi studi basati...

Una “cassetta degli attrezzi” per diagnosticare malattie complesse

Immagine:malattie complesse.Credit: CHU Sainte-Justine. Un team internazionale guidato da un ricercatore del CHU Sainte-Justine sta sviluppando un nuovo modello matematico per migliorare la gestione di...