Home Salute Cervello e sistema nervoso Charcot Marie Tooth, nuovi elementi dalla ricerca

Charcot Marie Tooth, nuovi elementi dalla ricerca

Un team di scienziati dell’Università del Missouri, ha creato un topo geneticamente modificato che simula le caratteristiche della malattia  neurologica Charcot M arie Tooth (CMT), che colpisce circa 150.000 persone. CTM è una malattia ereditaria progressiva che colpisce il sistema nervoso periferico, la parte del sistema nervoso che collega il cervello ed il midollo spinale ai muscoli. La malattia colpisce soprattutto i nervi distali, piedi, mani e può includere anche gambe e braccia. Si tratta di un indebolimento dei muscoli che si verifica o perchè i nervi distali sono morti o perchè non funzionano correttamente. La condizione può essere molto debilitante a seconda dei muscoli interessati e la misura in cui sono interessati. Non esistono attualmente cure per la malattia. Gli autori hanno creato un modello di topo geneticamente modificato con l’infusione di una coppia mutata di un gene, le cui mutazioni sono collegate ad una specifica forma di CMT, noto come 2e Tipo, negli esseri umani. Le cellule sono state impiantate in topi femmine che hanno partorito una prole con gene umano mutato. A quattro mesi i topi hanno sviluppato molte caratteristiche degli esseri umani con 2e Tipo CMT, tra cui atrofia muscolare e debolezza , deformità del piede e  ridotta capacità a muoversi. Gli scienziati sono rimasti sorpresi dal fatto che i topi non presentavano problemi neurali significativi o distacco del nervo del muscolo. ” Con una tale atrofia grave” sostengono gli scienziati, ” ci aspettavamo di vedere una perdita di connessioni nervose nei muscoli, ma le connessioni sembrano tutte relativamente sane”.Nello studio, i ricercatori hanno anche dimostrato che i topi ingegnerizzati, hanno anche sviluppato un’andatura anomala. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Genetica Molecolare Umana.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

NAFLD: nuovi indizi di trattamento da un amminoacido

NAFLD-Immagine: Credit Public Domain. Un nuovo studio implica bassi livelli dell'amminoacido glicina nello sviluppo della steatosi epatica non alcolica o NAFLD. Suggerisce inoltre che affrontare...

Cecità: il ripristino della vista sta per diventare realtà

La cecità colpisce 40 milioni di persone in tutto il mondo. Una neuroprotesi potrebbe un giorno ripristinare la visione funzionale nei ciechi.  Il ripristino della vista...

SARS-CoV-2: farmaco antivirale blocca la replicazione

Immagine: micrografia elettronica a scansione colorata di una cellula morente (blu) gravemente infettata da SARS-CoV-2 (giallo), il virus che causa COVID-19. Credito: Centro di ricerca...

Disturbo depressivo e ruolo causale del microbioma

Disturbo depressivo maggiore e microbioma intestinale: esiste un legame? Il disturbo depressivo maggiore (MDD) è un disturbo mentale comune e debilitante. E' un disturbo...

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...