Cancro epatico correlato all’alcol può avere una prognosi peggiore rispetto ad altre forme

cancro epatico

Un nuovo studio indica che i pazienti con cancro epatico correlato all’alcol spesso non vivono quanto i pazienti con cancro del fegato non sono associato al consumo di alcol, principalmente a causa di diagnosi in fasi successive. Pubblicato online su Cancer,  una rivista peer-reviewed dell’American Cancer Society, i risultati indicano che dovrebbero essere fatti sforzi per migliorare sia lo screening per i primi segni di cancro al fegato che la gestione dell’abuso di alcol.

Il cancro del fegato è la seconda causa di decessi correlati al cancro in tutto il mondo, con le infezioni da epatite B e C che sono le cause principali. L’abuso di alcol e la steatosi epatica non alcolica sono altri fattori di rischio dominanti. A causa dei miglioramenti nel trattamento delle infezioni da epatite e dell’aumento del consumo di alcol in alcune regioni, è probabile che l’alcol diventerà una delle principali cause di cancro al fegato nel prossimo futuro. In effetti, l’alcol è già la prima causa di cancro al fegato in Francia e rappresenta il 25-30% delle diagnosi negli Stati Uniti. La cifra reale degli Stati Uniti è probabilmente più alta in quanto il consumo di alcol è spesso sottostimato quando è presente un altro fattore di rischio.

( Vedi anche:Cancro al fegato: scoperta una proteina che protegge il fegato).

Per confrontare gli aspetti del cancro al fegato alcol-correlato e non alcolico, Charlotte Costentin, dell’ Hôpital Henri-Mondor in Francia ed i suoi colleghi hanno esaminato 894 pazienti con neoplasia epatica di nuova diagnosi che sono stati seguiti per 5 anni; 582 pazienti (65%) con una storia di abuso cronico di alcol e 312 (35%) che non hanno assunto alcol. I ricercatori hanno anche registrato se i pazienti con cancro epatico correlato all’alcol erano astinenti o no al momento della diagnosi del cancro.

Un totale di 601 pazienti erano morti al momento delle analisi finali dei ricercatorii. I tumori epatici correlati all’alcol avevano maggiori probabilità di essere diffusi e sono stati rilevati in pazienti con funzione epatica peggiore. La sopravvivenza globale media è stata di 9.7 mesi contro 5.7 mesi rispettivamente nei gruppi non alcol-correlati e alcol-correlati. Tuttavia, quando i ricercatori hanno esaminato singolarmente ogni stadio del cancro, la sopravvivenza era simile nei pazienti con tumore non alcolico e alcol correlato. I risultati suggeriscono che i pazienti con cancro epatico correlato all’alcol hanno una ridotta sopravvivenza globale principalmente a causa della peggiore funzione epatica e delle caratteristiche del tumore alla diagnosi.

L’analisi ha anche esaminato se i pazienti stavano partecipando a programmi di follow-up di cirrosi prima che i loro cancri venissero diagnosticati. (La maggior parte delle persone che sviluppano un tumore al fegato mostra segni di cicatrizzazione, o cirrosi nel fegato e le linee guida internazionali raccomandano l’ultrasuono ogni sei mesi per rilevare il cancro epatico precoce nei pazienti con cirrosi). Nei pazienti il ​​cui tumore epatico è stato rilevato durante un follow-up di cirrosi, il programma aveva migliorato la sopravvivenza rispetto ai pazienti il ​​cui cancro era stato diagnosticato incidentalmente. Ciò è stato particolarmente pronunciato nei pazienti con epatopatia non alcolica o con malattia epatica alcol-correlata che non bevono più alcol rispetto ai pazienti non astinenti. Inoltre, i pazienti alcolizzati non astinenti hanno avuto la sopravvivenza più bassa, nello studio.

“Per migliorare la prognosi del cancro al fegato nella popolazione che consuma alcol dovrebbero essere fatti sforzi per attuare programmi di screening efficaci sia per la cirrosi che per il cancro del fegato e per migliorare l’accesso ai servizi di trattamento dell’ alcolismo”, ha detto il Dr. Costentin. “Un onere tumorale più piccolo e una migliore funzionalità epatica alla diagnosi dovrebbero tradursi in più alti tassi di pazienti con cancro al fegato alcol-correlabile suscettibili al trattamento curativo come resezione del tumore o ablazione e trapianto di fegato“.

Fonte: Wiley

Altri articoli su cancro epatico