HomeSalutePolmoniBPCO: nuova speranza di trattamento

BPCO: nuova speranza di trattamento

(BPCO-Immagine Credit Public Domain).

Un team di ricercatori provenienti da Paesi Bassi, Germania e Stati Uniti riferisce che due farmaci promettono di ringiovanire le cellule progenitrici epiteliali polmonari danneggiate dalla broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). 

Nel loro studio, pubblicato sulla rivista Science Advances, il gruppo ha identificato alcune proteine ​​coinvolte nella generazione epiteliale per il target con prostanoidi e le ha testate in diversi scenari. Sean Fortier, Loka Penke e Marc Peters-Golden dell’Università del Michigan hanno pubblicato un articolo principale nello stesso numero della rivista che che fornisce una breve storia dell’uso dei prostanoidi nelle attività mediche e delinea il lavoro svolto dal team nel Michigan.

- Advertisement -

La BPCO è una malattia dei polmoni che si sviluppa quando il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo a condizioni, come l’inalazione di fumo , e danneggia le cellule epiteliali progenitrici nei polmoni. Il compito delle cellule progenitrici epiteliali è produrre nuove cellule che rivestono i polmoni per mantenerli sani. In loro assenza, i pazienti avvertono mancanza di respiro e produzione eccessiva di muco. Sono state sviluppate terapie per ridurre i sintomi della BPCO, ma non esiste una cura. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno identificato due farmaci che mostrano risultati promettenti nel ringiovanimento delle cellule progenitrici epiteliali polmonari.

Il lavoro ha comportato il recupero e l’analisi dei dati da studi precedenti utilizzando il tessuto polmonare umano e di topo danneggiato dalla BPCO a causa del fumo. Confrontando i dati con dati simili di pazienti sani, i ricercatori sono stati in grado di isolare i geni che sono diventati meno attivi a causa del danno, il che ha portato a una minore produzione di due proteine. Hanno quindi condotto una ricerca di farmaci esistenti che potrebbero essere utilizzati per ripristinare i livelli normali delle due proteine. Ne hanno trovati due: Iloprost, che è stato usato per trattare la pressione alta nelle arterie dei polmoni e Mioprostolo, che è stato usato per curare le ulcere allo stomaco.

Spiegano gli autori:

“Una delle principali sfide in farmacologia oggi è la generazione di farmaci con potenziale rigenerativo, con la capacità di ripristinare la riparazione dei tessuti nelle malattie croniche. Finora la medicina rigenerativa si è concentrata principalmente sul trapianto, sugli approcci di ingegneria tissutale, sulla terapia con cellule staminali o progenitrici o su una combinazione di questi. Un approccio farmacologico rigenerativo avrà un notevole potenziale aggiuntivo perché può essere applicato su scala relativamente ampia. Inoltre, può essere utilizzato per arrestare il processo patologico in una fase iniziale, risultando in un vero trattamento modificante la malattia. Inoltre, il target farmacologico può aiutare o supportare altre strategie rigenerative. È necessaria la farmacologia rigenerativa nelle malattie respiratorie, cardiovascolari e neurologiche, nonché in molte altre aree patologiche. In medicina respiratoria, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una delle malattie polmonari più comuni che richiedono terapie rigenerative. La malattia è caratterizzata da una limitazione del flusso aereo non completamente reversibile e che peggiora progressivamente. La principale difficoltà alla base della patogenesi della BPCO è l’aumento della distruzione dei tessuti in combinazione con la riparazione anormale dei tessuti negli individui suscettibili. Poiché le attuali terapie non modificano il decorso della malattia, è necessario sviluppare nuove strategie terapeutiche volte alla rigenerazione dei tessuti.Nel presente studio, abbiamo ipotizzato che una strategia di scoperta di bersagli farmacologici guidata dalla trascrittomica basata su firme geniche espresse in modo differenziato nella BPCO e in risposta al fumo di sigaretta (CS) possa essere utilizzata per identificare bersagli genici farmacologici che sono specificamente coinvolti nella riparazione polmonare difettosa nella BPCO. I nostri risultati dimostrano che una tale strategia accoppiata a studi funzionali sugli organoidi produce ligandi recettoriali di cui i recettori prostanoidi EP e IP mostrano il potenziale più significativo nel contrastare gli effetti negativi del fumo di sgaretta sulla funzione delle cellule progenitrici alveolari“.

- Advertisement -

I test dei farmaci sui topi hanno mostrato che entrambi sono in grado di ripristinare la capacità rigenerativa delle cellule progenitrici. I ricercatori suggeriscono che ciò sia dovuto al fatto che hanno lavorato per riavviare gli orologi circadiani nelle cellule che erano state esposte a lungo termine al fumo. È necessario più lavoro per scoprire se le cellule rigenerate si traducono effettivamente in nuove cellule che rivestono i polmoni.

Fonte:ScienceAdvances

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...