Botox modificato potrebbe essere il nuovo trattamento per il dolore cronico, epilessia

botox,disturbi neurologici

Struttura di Botox a sinistra e tossina tetanica.

 

Utilizzando neurotossine prodotte da batteri del genere Clostridium ( C. botulinum e C. tetani ), comunemente note come Botox e tossina tetanica rispettivamente, un gruppo di ricercatori ha creato e caratterizzato una nuova molecola che potrebbe essere utilizzata per il trattamento di disturbi neurologici.

Mentre l’elemento Botox è in grado di bloccare la comunicazione neuronale – e quindi segnali di dolore – per mesi, la componente tossina tetanica ha come obiettivo il sistema nervoso centrale in modo molto efficace.

La combinazione dei due elementi è di grande interesse per le neuroscienze e può essere applicata al trattamento di diversi disturbi neurologici, condizioni di dolore cronico particolare ed epilessia.

Botox e tetano neurotossine sono molto promettenti per le applicazioni cliniche, ma la loro attività “paralitizzante” era un ostacolo fino ad ora.

Gli scienziati hanno dimostrato che la molecola di nuova concezione è un potente non-paralizzante neuronale bloccante.

Studi preclinici indicano l’utilità della nuova molecola per alleviare il dolore infiammatorio.

“Attualmente gli antidolorifici alleviano il dolore persistente solo temporaneamente e spesso hanno effetti collaterali indesiderati. Una singola iniezione della nuova molecola presso il sito del dolore potrebbe potenzialmente alleviare il dolore per molti mesi negli esseri umani”, ha spiegato il prof Bazbek Davletov dell’ Università di Sheffield, autore senior dello studio pubblicato sulla rivista Bioconjugate Chimica .

“Speriamo che la molecola ingegnerizzata posa migliorare la qualità della vita per quelle persone che soffrono di dolore cronico.”

“Stiamo negoziando il trasferimento della tecnologia ad una grande azienda farmaceutica,” ha concluso il prof Davletov.

Fonte  Bioconjugate Chimica

______


Altri articoli su botox, disturbi neurologici