Home Salute Cervello e sistema nervoso Anestesia e risveglio: perchè l'inalazione di anestetici causa incoscienza?

Anestesia e risveglio: perchè l’inalazione di anestetici causa incoscienza?

Perchè l’inalazione di anestetici causa incoscienza? Nuove ricerche effettuate presso il National Institute of Health, possono dare risposte a questa domanda. Alla fine del 20° secolo, gli scienziati pensavano che l’inalazione di anestetici avesse effetti sulle membrane cellulari. Nonostante le notevoli indagini, nessuno aveva potuto dimostrare che l’inalazione di anestetici produceva cambiamenti nella membrana cellulare. Attualmente gli studiosi hanno raffinato le ricerche per la comprensione delle funzioni della membrana cellulare, concentrandosi sui canali ionici. I canali ionici, proteine incorporate nelle molecole lipidiche che formano la membrana cellulare, sono responsabili della conduzione di impulsi elettrici lungo le cellule nervose nel cervello e in tutto il corpo. Pochi decenni fa, la teoria prevalente riteneva che gli anestetici inalati, interagivano direttamente  con questi canali di proteine, influenzando in qualche modo il loro comportamento. Non si riusciva comunque a trovare un solo canale ionico che reagiva agli anestetici in modo cruciale e sufficiente a dare spiegazione allo stato di incoscienza conseguente l’inalazione di anestetici. Nel nuovo studio i ricercatori si sono concentrati sul modo in cui i diversi tipo di molecole di lipidi, influenzano i canali ionici.  La scoperta è che in diversi tipi di molecole lipidiche, la regione immediatamente circostante un canale ionico consiste spesso in un  unico tipo di lipide che forma una specie di zattera. L’interruzione dell’attività di queste “zattere” compromette l’attività dei canali ionici. I dati concludono che l’anestetico inalato ha effetto sulle zattere nella membrana cellulare, influenzando l’organizzazione di molecole di lipidi che miscelandosi, compromettono l’attività dei canali ionici.


ULTIMI ARTICOLI

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...

Composto ultrapotente può aiutare a trattare C. diff e ridurre le recidive

Immagine:Public Domain. Clostridioides difficile o C. diff, è la principale causa di infezione associata all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Solo due antibiotici, Vancomicina eFfidaxomicina, sono stati...

Sindrome dell’intestino irritabile: peptide del veleno di ragno potrebbe fermare il dolore

Ricercatori dell'Università del Queensland hanno scoperto che un peptide specifico trovato nel veleno di ragno potrebbe alleviare il dolore nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Lo...

Nuove inaspettate possibilità per la ricerca sugli antidolorifici da SARS-CoV-2

Immagine: la proteina spike su SARS-CoV-2 interferisce con la percezione del dolore. SEBASTIAN KAULITZKI / SCIENCE PHOTO LIBRARY / Getty Images. L'autore di un nuovo...

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...