Home Salute Cervello e sistema nervoso Anestesia e risveglio: perchè l'inalazione di anestetici causa incoscienza?

Anestesia e risveglio: perchè l’inalazione di anestetici causa incoscienza?

Perchè l’inalazione di anestetici causa incoscienza? Nuove ricerche effettuate presso il National Institute of Health, possono dare risposte a questa domanda. Alla fine del 20° secolo, gli scienziati pensavano che l’inalazione di anestetici avesse effetti sulle membrane cellulari. Nonostante le notevoli indagini, nessuno aveva potuto dimostrare che l’inalazione di anestetici produceva cambiamenti nella membrana cellulare. Attualmente gli studiosi hanno raffinato le ricerche per la comprensione delle funzioni della membrana cellulare, concentrandosi sui canali ionici. I canali ionici, proteine incorporate nelle molecole lipidiche che formano la membrana cellulare, sono responsabili della conduzione di impulsi elettrici lungo le cellule nervose nel cervello e in tutto il corpo. Pochi decenni fa, la teoria prevalente riteneva che gli anestetici inalati, interagivano direttamente  con questi canali di proteine, influenzando in qualche modo il loro comportamento. Non si riusciva comunque a trovare un solo canale ionico che reagiva agli anestetici in modo cruciale e sufficiente a dare spiegazione allo stato di incoscienza conseguente l’inalazione di anestetici. Nel nuovo studio i ricercatori si sono concentrati sul modo in cui i diversi tipo di molecole di lipidi, influenzano i canali ionici.  La scoperta è che in diversi tipi di molecole lipidiche, la regione immediatamente circostante un canale ionico consiste spesso in un  unico tipo di lipide che forma una specie di zattera. L’interruzione dell’attività di queste “zattere” compromette l’attività dei canali ionici. I dati concludono che l’anestetico inalato ha effetto sulle zattere nella membrana cellulare, influenzando l’organizzazione di molecole di lipidi che miscelandosi, compromettono l’attività dei canali ionici.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

NAFLD: nuovi indizi di trattamento da un amminoacido

NAFLD-Immagine: Credit Public Domain. Un nuovo studio implica bassi livelli dell'amminoacido glicina nello sviluppo della steatosi epatica non alcolica o NAFLD. Suggerisce inoltre che affrontare...

Cecità: il ripristino della vista sta per diventare realtà

La cecità colpisce 40 milioni di persone in tutto il mondo. Una neuroprotesi potrebbe un giorno ripristinare la visione funzionale nei ciechi.  Il ripristino della vista...

SARS-CoV-2: farmaco antivirale blocca la replicazione

Immagine: micrografia elettronica a scansione colorata di una cellula morente (blu) gravemente infettata da SARS-CoV-2 (giallo), il virus che causa COVID-19. Credito: Centro di ricerca...

Disturbo depressivo e ruolo causale del microbioma

Disturbo depressivo maggiore e microbioma intestinale: esiste un legame? Il disturbo depressivo maggiore (MDD) è un disturbo mentale comune e debilitante. E' un disturbo...

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...