HomeMedicina AlternativaAcidi grassi omega 3 utili nel trattamento della depressione

Acidi grassi omega 3 utili nel trattamento della depressione

(Acidi grassi omega 3-Immagine Credit Public Domain).

Gli acidi grassi omega 3 polinsaturi (PUFA), l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA) si trovano nel pesce azzurro. I ricercatori del National Institute of Health Research (NIHR) Maudsley Biomedical Research Center hanno valutato gli effetti di alte dosi di EPA e DHA nei neuroni cresciuti in laboratorio e poi nei pazienti per aiutare a chiarire come riducono l’infiammazione e la depressione. Questo nuovo approccio ha permesso agli scienziati di identificare un importante meccanismo molecolare che può aiutare nello sviluppo di potenziali nuovi trattamenti che coinvolgono gli acidi grassi omega-3 per i pazienti con depressione.

L’autrice principale Dr. Alessandra Borsini, NIHR Maudsley BRC Senior Postdoctoral Neuroscientist presso il King’s College di Londra, ha dichiarato: “Utilizzando una combinazione di ricerche di laboratorio e sui pazienti, il nostro studio ha fornito nuove entusiasmanti informazioni su come gli acidi grassi omega-3 producono effetti anti-infiammatori che migliorano la depressione. Da tempo sappiamo che i PUFA omega-3 possono indurre effetti antidepressivi e antinfiammatori ma, senza ulteriori informazioni su come ciò avvenga nel cervello umano, è stato difficile sviluppare trattamenti. Il nostro studio ha aiutato a far luce sui meccanismi molecolari coinvolti in questa relazione e che possono aiutare nello sviluppo di potenziali nuovi trattamenti per la depressione utilizzando PUFA omega 3″.

- Advertisement -

Ricerche precedenti hanno dimostrato che le persone con disturbo depressivo maggiore hanno livelli più elevati di infiammazione nei loro corpi rispetto a quelli senza il disturbo. Attualmente non esistono strategie di trattamento antinfiammatorio comprovate per la depressione e, sebbene sia stato dimostrato che due importanti PUFA omega-3, EPA e DHA, forniscono effetti antinfiammatori e antidepressivi, il meccanismo preciso con cui lo fanno è sconosciuto.

Lo studio si proponeva di testare la teoria secondo cui quando gli acidi grassi omega 3 vengono utilizzati e processati nel corpo, alcuni dei loro metaboliti (noti come mediatori lipidici) sono in grado di proteggere il cervello dagli effetti dannosi dell’infiammazione. I ricercatori hanno utilizzato un modello di cellule umane in vitro noto come “depressione in un piatto” che è stato sviluppato presso il NIHR Maudsley Biomedical Research Center e che utilizza cellule dell’ippocampo, una parte del cervello fondamentale in molte aree cognitive, di memoria e di apprendimento. Le cellule dell’ippocampo svolgono un ruolo importante nella produzione di nuovi neuroni: la neurogenesi.

Lo studio ha dimostrato che il trattamento delle cellule dell’ippocampo umano con EPA o DHA prima di essere esposte a messaggeri chimici coinvolti nell’infiammazione chiamati citochine, ha impedito un aumento della morte cellulare e una diminuzione della neurogenesi. Entrambi questi impatti erano stati precedentemente osservati in cellule esposte alle sole citochine. Ulteriori indagini hanno confermato che questi effetti sono stati mediati dalla formazione di diversi mediatori lipidici chiave prodotti da EPA e DHA, vale a dire acido idrossiecosapentaenoico (HEPE), acido idrossidocosaesaenoico (HDHA), acido epossicosatetraenoico (EpETE) e acido epossicosapentaenoico (EpDPA) e questi sono stati rilevati per la prima volta in neuroni ippocampali umani.

Vedi anche:Assunzione di acidi grassi omega 3 aiuta a scongiurare il rischio di artrite reumatoide

- Advertisement -

La Prof.ssa Anna Nicolaou, Prof.ssa di chimica biologica presso la Facoltà di scienze mediche e umane dell’Università di Manchester che ha guidato il team che ha misurato i mediatori lipidici utilizzando la spettrometria di massa, ha dichiarato: “I mediatori lipidici identificati dalla nostra ricerca sono scomposti nel corpo relativamente rapidamente, il che significa che potrebbero essere disponibili solo per un tempo relativamente breve. Testando l’effetto degli inibitori degli enzimi coinvolti nel metabolismo dei PUFA omega-3 abbiamo dimostrato che possiamo migliorare notevolmente il tempo che restano nel corpo e, infine, aumentare la loro efficacia. Questo è molto importante per lo sviluppo di nuovi trattamenti e significa che i pazienti potrebbero ricevere dosi più elevate di EPA e DHA insieme a questi inibitori enzimatici per aumentare la quantità di questi importanti composti nel sangue, nel tempo”.

Metaboliti Omega-3 nei pazienti

Lo studio ha valutato ventidue pazienti con depressione maggiore a cui sono stati somministrati 3 grammi di EPA o 1,4 grammi di DHA al giorno per dodici settimane. I metaboliti lipidici di EPA e DHA sono stati misurati nel loro sangue prima e dopo il trattamento con omega 3 PUFA, insieme a un punteggio dei loro sintomi depressivi. In entrambi i gruppi di pazienti, il trattamento con EPA o DHA è stato associato a un aumento dei rispettivi metaboliti e a un miglioramento significativo dei sintomi depressivi: una riduzione media dei punteggi dei sintomi del 64% e del 71% rispettivamente nei gruppi EPA e DHA. Inoltre, livelli più elevati degli stessi metaboliti identificati negli esperimenti in vitro sono stati correlati a livelli più bassi di sintomi depressivi. I livelli di EPA e DHA utilizzati in questo studio sono concentrazioni che molto probabilmente non possono essere raggiunte con il consumo alimentare di pesce azzurro, una ricca fonte di PUFA omega-3, ma richiedono integratori terapeutici.

Ricerca futura

I risultati dello studio indicano che i mediatori lipidici bioattivi prodotti dalla degradazione di EPA e DHA nel corpo potrebbero essere presi di mira come meccanismo per ridurre la depressione e l’infiammazione, ma è necessario garantire che i loro effetti siano prolungati affinché questo approccio avere successo. Ricerche precedenti indicano che un enzima chiave nel metabolismo degli acidi grassi omega 3 potrebbe essere una valida opzione per il riutilizzo dei farmaci e potrebbe essere utilizzato per altri disturbi cerebrali associati all’infiammazione, inclusa la depressione, in cui almeno un sottogruppo di pazienti ha spesso livelli cronici di infiammazione.

L’autore senior dell’articolo, il Professor Carmine Pariana, NIHR Maudsley BRC Affective Disorders Interface with Medicine Theme Lead, ha affermato: “C’è un interesse sempre crescente per i collegamenti tra il sistema immunitario, l’infiammazione e la depressione, ma per sviluppare nuovi trattamenti in quest’area abbiamo necessità di comprendere meglio i meccanismi alla base di queste relazioni. Il nostro studio ha fornito importanti informazioni su come i noti composti antinfiammatori, i PUFA omega-3, aiutano a ridurre la depressione. Identificando e misurando gli esatti mediatori lipidici coinvolti, identificando l’enzima che prolunga i loro effetti e trova gli stessi mediatori lipidici nei pazienti depressi trattati con PUFA omega-3 e dimostrando miglioramenti dei sintomi, abbiamo fornito informazioni vitali per aiutare a modellare gli studi clinici per futuri approcci terapeutici con acidi grassi omega-3.

È importante sottolineare che la nostra ricerca non ha dimostrato che aumentando semplicemente gli acidi grassi omega-3 nella nostra dieta o assumendo integratori alimentari possiamo ridurre l’infiammazione o la depressione. I meccanismi alla base delle associazioni tra depressione e PUFA omega-3 sono complicati e richiedono ulteriori ricerche e studi clinici per comprendere appieno come funzionano e informare i futuri approcci terapeutici”.

Lo studio è frutto di una collaborazione tra ricercatori del King’s College di Londra, dell’Università di Manchester e della China Medical University.

Il documento “Gli acidi grassi polinsaturi Omega-3 proteggono dall’infiammazione attraverso la produzione di mediatori lipidici LOX e CYP450: rilevanza per la depressione maggiore e per la neurogenesi dell’ippocampo umano” è stato pubblicato oggi da Molecular Psychiatry .

Fonte:Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...