HomeSaluteVirus e parassitiACE-inibitori riducono la risposta immunitaria alle infezioni batteriche

ACE-inibitori riducono la risposta immunitaria alle infezioni batteriche

(ACE-inibitori-Immagine Credit Public Domain).

Un team di ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center ha trovato prove che suggeriscono che somministrare ai pazienti ACE-inibitori riduce la capacità del loro sistema immunitario di combattere le infezioni batteriche. Nel loro articolo pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, il gruppo descrive i test di più ACE-inibitori nei topi e nelle cellule umane.

Gli ACE-inibitori sono farmaci che vengono in genere somministrati a pazienti che soffrono di ipertensione e, in alcuni casi, a persone con insufficienza cardiaca, malattie renali o diabete. La somministrazione dei farmaci rilassa le pareti di arterie, vene e capillari, il che a sua volta riduce la pressione sanguigna. Alcune ricerche precedenti avevano dimostrato che i farmaci aiutano anche il sistema immunitario rafforzando gli sforzi dei neutrofili, cellule prodotte per combattere i batteri. In questo nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che è vero il contrario.

- Advertisement -

Vedi anche:Gli ACE-inibitori sembrano essere sicuri e utili per COVID-19, affermano i ricercatori

Per testare l’impatto degli ACE-inibitori sul sistema immunitario, i ricercatori hanno somministrato ai topi diverse marche di ACE-inibitori come Zestril e Altace, e poi hanno testato la loro capacità di scongiurare le infezioni batteriche. Rispetto ai topi non trattati, quelli trattati con gli ACE-inibitori hanno avuto più difficoltà a combattere le infezioni batteriche, come lo stafilococco.

Sette pazienti che stavano assumendo un ACE inibitore hanno offerto volontariamente campioni di sangue per misurare la loro risposta immunitaria. I ricercatori hanno scoperto che i neutrofili in questi campioni non erano in grado di produrre le molecole necessarie per combattere i batteri. Inoltre si sono dimostrati anche inefficaci se esposti a batteri in un piatto di laboratorio.

Spiegano i ricercatori:

- Advertisement -

“Gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) (ACEI) sono utilizzati da milioni di persone, comprese quelle suscettibili alle infezioni, per regolare la pressione sanguigna. L’espressione dell’ACE è stata anche associata al corretto funzionamento delle cellule mieloidi e dei neutrofili, ma non è chiaro come il trattamento con ACEI influisca sulle cellule del sistema immunitario. Qui, Cao et al. hanno dimostrato che il trattamento con ACEI inibisce l’attività battericida dei neutrofili sia umani che murini. Topi trattati con ACEI o topi privi di espressione di ACE hanno prodotto meno leucotrieni B4, il che ha comportato una scarsa sopravvivenza dei neutrofili. Questi dati suggeriscono che il trattamento con ACEI può aumentare la suscettibilità alle infezioni batteriche“.

In un lavoro correlato, i ricercatori hanno anche testato un altro farmaco usato per trattare l’ipertensione, un farmaco recettore dell’angiotensina II chiamato Cozaar: tali farmaci agiscono prevenendo la costrizione delle pareti arteriose, il che riduce la pressione sanguigna. Non hanno trovato prove di un impatto negativo sull’immunità. I beta-bloccanti, prescritti anche per l’ipertensione, non sono stati testati. Agiscono impedendo la stimolazione dei recettori adrenergici, il che riduce l’azione cardiaca.

I ricercatori concludono che i pazienti trattati con ACE-inibitori sono a maggior rischio di infezioni batteriche, osservando che i medici potrebbero utilizzare altri farmaci per curare i loro pazienti.

Fonte: Science

ULTIMI ARTICOLI

ACE-inibitori riducono la risposta immunitaria alle infezioni batteriche

(ACE-inibitori-Immagine Credit Public Domain). Un team di ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center ha trovato prove che suggeriscono che somministrare ai pazienti ACE-inibitori riduce la capacità...

Una citochina favorisce la perdita di grasso addominale

(Grasso addominale-Immagine Credit Public Domain). Il trattamento di topi obesi con la citochina nota come TSLP ha portato a una significativa perdita di grasso addominale...

Fibrillazione atriale: prevedere la recidiva

(Fibrillazione atriale-Immagine Credit Public Domain). Un team guidato da ricercatori della Case Western Reserve University e della Cleveland Clinic ha ricevuto una sovvenzione quadriennale di...

COVID 19 grave: identificati geni responsabili

(COVID 19 - Immagine Credit Public Domain). Alcune persone si riprendono abbastanza facilmente da COVID 19, mentre altre subiscono conseguenze terribili o addirittura muoiono. Questo,...

Primo prodotto insulinico biosimilare approvato dalla FDA

La Food and Drug Administration statunitense ha approvato oggi il primo prodotto insulinico biosimilare intercambiabile, indicato per migliorare il controllo glicemico negli adulti e...