Un vecchio farmaco può fornire sollievo alle persone con Parkinson avanzato

parkinson

Un vecchio farmaco può fornire sollievo alle persone con  Parkinson avanzato, secondo uno studio pubblicato oggi che sarà presentato alla 69a riunione dell’ American Academy of Neurology a Boston, dal il 22 al 28 aprile 2017.

Per il trattamento della malattia di Parkinson, il farmaco orale Levodopa è considerato il gold standard per il miglioramento della qualità della vita e longevità. Ma, come la malattia progredisce, gli effetti del farmaco possono parzialmente svanire sempre più rapidamente dopo ogni dose. I sintomi del Parkinson, come la lentezza e rigidità muscolare, spesso rendono difficile il movimento.

” Ridurre i sintomi in una persona affetta da Parkinson può avere un grande impatto sulla qualità della sua vita”, ha detto l’autore dello studio Regina Katzenschlager del Danubio Hospital, affiliato alla Medical University di Vienna.

( Vedi anche:Individuato, per la prima volta, il collegamento tra morbo di Parkinson e microbioma).

Il farmaco Apomorfina, che risale al 1865, è stato utilizzato per la prima nel trattamento del morbo di Parkinson avanzato negli Stati Uniti nel 1950. Il suo utilizzo è cresciuto nel 1990 quando i medici europei lo hanno utilizzato per via sottocutanea per il trattamento del movimenti incontrollabili e della mobilità dei pazienti affetti da Parkinson. Nonostante il suo uso in molti paesi del mondo, gli studi sulla sua efficacia e sicurezza fino ad ora sono mancati

In questo studio di fase III, i ricercatori hanno reclutato 107 persone con malattia di Parkinson avanzata da 23 centri in sette paesi. I partecipanti sono stati selezionati in modo casuale a ricevere o apomorfina per via sottocutanea o un placebo. Il trattamento è stato somministrato per un periodo di 14/18 ore ogni giorno, tramite una piccola pompa portatile simile a quella usata nel trattamento del diabete di tipo 1.

Lo studio ha trovato che i pazienti trattati con l’ Apomorfina hanno avuto una riduzione significativamente maggiore dei sintomi rispetto a quelli che hanno ricevuto l’infusione con placebo. Questo miglioramento è stato evidente entro la prima settimana di trattamento. Allo stesso tempo, per coloro che hanno ricevuto l’Apomorfina, c’è stato un aumento di tempo senza movimenti involontari anormali conosciuti come discinesie che sono spesso osservati nel trattamento con la Levodopa.

L’ Apomorfina è stata generalmente ben tollerata e non ci sono stati effetti collaterali gravi.

“La nostra speranza è che questi risultati, che confermano l’efficacia del trattamento con l’ apomorfina, possano incoraggiare i medici ad offrire il trattamento ai loro pazienti e valutare la sua efficacia nella propria pratica clinica”, ha detto Katzenschlager.

Fonte: Medicalnews

Altri articoli su parkinson