Un antico rimedio naturale usato dai cinesi per trattare la malaria si è rivelato efficace contro la turbercolosi

artemisinina,tubercolosi

Immagine: Robert Abramovitch del Dipartimento di Microbiologia della Michigan State University. Courtesy photo.

L’artemisinina è il principio attivo contenuto nell’ artemisia, una pianta utilizzata in particolare dalla medicina tradizionale cinese come rimedio contro la febbre, le problematiche gastrointestinali e la malaria. Gli scienziati della Michigan State University, hanno scoperto che il composto è efficace anche contro la tubercolosi e può rallentare l’evoluzione della resistenza ai farmaci.

In uno studio condotto da Robert Abramovitch, un microbiologo ed esperto di tubercolosi alla Michigan State University, ha dimostrato che l’antico rimedio ha bloccato la capacità dei batteri che causano la tubercolosi, noti come Mycobacterium tuberculosis, di diventare “dormienti“. Questo stadio della malattia spesso rende il trattamento con gli antibiotici, inefficace.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Nature Chemical Biology .

“Quando i batteri dellla tubercolosi sono dormienti, diventano estremamente resistenti e tolleranti agli antibiotici”, ha detto Abramovitch, un Assistente Prof. presso la Facoltà di Medicina Veterinaria. “Bloccare lo stato di  dormienza rende i batteri della tubercolosi più sensibili ai farmaci e potrebbe abbreviare i tempi di trattamento”.

Un terzo della popolazione mondiale è stato infettato dal batterio della tubercolosi e la malattia ha ucciso 1,8 milioni di persone nel 2015, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

( Vedi anche:La curcumina può aiutare a combattere la tubercolosi resistente ai farmaci).

Il Mycobacterium tuberculosis o Mtb, ha bisogno di ossigeno per prosperare nel corpo. Il sistema immunitario affama questo batterio di ossigeno per controllare l’infezione. Abramovitch e il suo team hanno scoperto che l’artemisinina attacca una molecola chiamata eme, che si trova nel sensore di ossigeno del batterio. Interrompendo questo sensore ed essenzialmente spegnendolo, l’artemisinina ha bloccato la capacità del batterio di percepire quanto ossigeno si stava producendo.

“Quando il batterio Mtb è affamato di ossigeno, entra in uno stato dormiente che lo protegge dallo stress degli ambienti a basso ossigeno”, ha detto Abramovitch. “Se Mtb non riesce a rilevare la bassa quantità di ossigeno, allora non può diventare dormiente e morirà”.

Abramovitch ha indicato che la tubercolosi latente può rimanere inattiva per decenni nel corpo. Ma se il sistema immunitario si indebolisce, ad un certo punto può risvegliarsi e diffondersi. ” Sia che il batterio si svegli o che rimanga ‘addormentato’ “,  ha detto il ricercatore, ” la tubercolosi può richiedere fino a sei mesi di tempo per il trattamento ed è una delle principali ragioni per cui la malattia è così difficile da controllare”.

“I pazienti spesso non aderiscono al regime di trattamento a causa della lunghezza del tempo necessario per curare la malattia”, ha detto. ” La terapia incompleta gioca un ruolo importante nell’evoluzione e nella diffusione dei ceppi di tubercolosi multi-farmaco resistenti”.

Secondo Abramovitch, questa ricerca potrebbe essere la chiave per abbreviare il corso della terapia, perché può impedire ai batteri di diventare dormienti. Questo potrebbe portare a migliorare i risultati dei pazienti e rallentare l’evoluzione della TBC resistente ai farmaci”.

Dopo lo screening di 540.000 composti diversi, Abramovitch ha anche trovato altri cinque inibitori chimici possibili che colpiscono il sensore dell’ ossigeno in Mtb in vari modi e potrebbero essere ugualmente efficaci nel trattamento della malattia.

“Due miliardi di persone nel mondo sono state infettate dal batterio Mtb”, ha detto Abramovitch. “La tubercolosi è un problema globale che richiede nuovi strumenti per rallentare la sua diffusione e superare la resistenza ai farmaci. Questo nuovo metodo di colpire i batteri dormienti è eccitante perché ci mostra un nuovo modo di ucciderli”.

Fonte: Michigan State University

Altri articoli su artemisinina, tubercolosi