Trasfusioni di “sangue vecchio” possono danneggiare i pazienti

trasfusioni di sangue

Il “sangue vecchio” disponibile per le trasfusioni rilascia grandi e potenzialmente nocive quantità di ferro nel flusso sanguigno del paziente, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Columbia University Medical Center (CUMC).

Sulla base delle nuove scoperte, i ricercatori raccomandano la FDA di ridurre il limite massimo di conservazione del sangue utilizzato per le trasfusioni, da 6 settimane a 5 settimane.

( Vedi anche:Pretrattare i globuli rossi con l’ossido nitrico può ridurre gli effetti collaterali legati alle trasfusioni).

“La nostra raccomandazione sarà discutibile, ma pensiamo di avere dati reali per sostenerla”, ha detto il co-leader Steven Spitalnik, Prof. di Patologia e Biologia cellulare presso la CUMC e Direttore medico dei laboratori clinici al NewYork-Presbyterian / Columbia. “Recenti studi hanno concluso che le trasfusioni di “sangue vecchio” non hanno alcun impatto sui risultati del paziente, ma questi studi non hanno esaminato esclusivamente il sangue più vecchio disponibile per le trasfusioni. Il nostro nuovo studio ha dimostrato che le trasfusioni di “sangue vecchio” ossia di sangue conservato per più di 5 settimane, possono realmente dannegiare i pazienti”.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nel numero di gennaio del Journal of Clinical Investigation.

La trasfusione di globuli rossi è la procedura più comune eseguita in pazienti ospedalizzati, con circa 5 milioni di pazienti che hanno ricevuto trasfusioni ogni anno, solo negli Stati Uniti. “Ma più il sangue viene conservato, tanto più le cellule risultano danneggiate”, ha detto il co-leader dello studio Eldad Hod, Prof. Associato di Patologia e Biologia cellulare alla CUMC e Patologo clinico al NewYork-Presbyterian / Columbia.

Attualmente, la FDA permette la conservazione del sangue utilizzato per le trasfuzioni per un massimo di 6 settimane.

Nello studio, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale un gruppo di 60 volontari sani a ricevere una unità di globuli rossi che erano stati conservati per 1, 2, 3, 4, 5 o 6 settimane. I volontari sono stati poi monitorati per 20 ore dopo la trasfusione.

In poche ore dopo la trasfusione, 7 dei 9 volontari che hanno ricevuto il sangue conservato per 6 settimane non riuscivano a metabolizzare adeguatamente le cellule danneggiate, liberando in tal modo grandi quantità di ferro nel loro flusso sanguigno. Solo un volontario che ha ricevuto il sangue conservato per 5 settimane ha avuto una risposta simile.

Nessuno dei volontari è stato danneggiato dalla trasfusione, ma gli studi precedenti hanno dimostrato che l’eccesso di ferro può favorire lo sviluppo di coaguli di sangue e lo sviluppo delle infezioni. “In base alla quantità di ferro che circola nel sangue dei volontari che hanno ricevuto il sangue di 6 settimane, possiamo prevedere che alcune infezioni esistenti potrebbero essere esacerbate”, ha spiegato il Dr. Hod.

“Così, per i pazienti malati, ricoverati in ospedale, questo eccesso di ferro potrebbe portare a gravi complicazioni”, ha aggiunto il Dr.Spitalnik.

“Il vero impatto del sangue conservato per 6 settimane sul tasso di complicazioni nei pazienti è probabile che sia piccolo”, dicono i ricercatori, “ma dal momento che milioni di americani ricevono trasfusioni ogni anno, anche una differenza dell’ 1 per cento in complicazioni potrebbero interessare un gran numero di pazienti”.

“Si stima che circa il 10 al 20 per cento di unità di sangue utilizzate per le trasfusioni è stato conservato per più di 5 settimane e di conseguenza, il numero di pazienti che sono in grado di ricevere una unità di sangue molto vecchio è sostanziale”, ha aggiunto il Dr. Hod.

“Sulla base dei nostri risultati di danno potenziale, pensiamo che la cosa più prudente da fare in questo momento sia che la FDA riduca il periodo massimo di conservazione del sangue utilizzato per le trasfusioni”, ha detto il Dr. Spitalnik. “Il Regno Unito, l’ Irlanda, i Paesi Bassi e il National Institutes of Health, hanno limitato la conservazione di sangue per le trasfusioni a 35 giorni e pensiamo che questo obiettivo possa essere raggiunto anche in altri paesi”.

Fonte: The Journal of Clinical Investigation

Altri articoli su trasfusioni di sangue