Il resveratrolo può aiutare a correggere lo squilibrio ormonale nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico

sindrome dell'ovaio policistico

Il resveratrolo, un composto naturale presente nel vino rosso e uva, può contribuire a ridurre uno squilibrio ormonale nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), una delle principali cause di infertilità, secondo un nuovo studio pubblicato nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

Il the Hormone Health Network stima che circa 5/ 6 milioni di donne negli Stati Uniti soffrono della sindrome dell’ovaio policistico, una delle condizioni endocrine più comune nelle donne in età fertile.

( Vedi anche:Letrozolo può aiutare le donne con sindrome dell’ovaio policistico a concepire)

Le donne affette da questa condizione producono leggermente maggiore quantità di testosterone e di altri ormoni androgeni rispetto alle donne sane. Anche se questi ormoni riproduttivi sono tipicamente associati agli uomini, anche le donne ne hanno piccole quantità. I livelli di questi ormoni nelle donne affette da PCOS possono causare un ciclo mestruale irregolare o assente, infertilità, aumento di peso, acne o peli in eccesso sul viso e sul corpo. Queste donne hanno anche un rischio maggiore di sviluppare altri problemi di salute, come il diabete.

Il resveratrolo appartiene ad un gruppo di composti vegetali noti come polifenoli. Oltre al vino rosso e l’uva, si trova anche nelle noci ed ha  proprietà anti-infiammatorie.

“Il nostro studio è il primo studio clinico a dimostrare che il resveratrolo riduce in modo significativo i livelli di testosterone e deidroepiandrosterone solfato (DHEAS), un altro ormone che il corpo può convertire in testosterone, nelle pazienti affette da sindrome dell’ovaio policistico”, ha detto l’autore dello studio, Antoni J. Duleba, della University of California, San Diego a della Jolla University, in California. “Questo composto può aiutare a moderare lo squilibrio ormonale che è una delle caratteristiche della PCOS”.

Trenta donne con sindrome dell’ovaio policistico hanno partecipato ad uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, condotto presso la Poznan University of Medical Sciences a Poznan, Polonia. Le donne sono state assegnate in modo casuale ad assumere un supplemento di resveratrolo o una pillola di placebo al giorno, per tre mesi. Alle partecipanti sono stati prelevati campioni di sangue  all’inizio e alla fine dello studio per determinare i livelli di testosterone e altri ormoni androgeni. Le donne inoltre hanno subito un test di tolleranza al glucosio all’inizio e alla conclusione dello studio, per misurare i fattori di rischio per il diabete.

I ricercatori hanno trovato che i livelli di testosterone totale sono diminuiti del 23,1 nelle donne che hanno ricevuto il supplemento di resveratrolo. In confronto, i livelli di testosterone sono aumentati del 2,9 per cento nel gruppo placebo. DHEAS è diminuito del 22,2 per cento nel gruppo a cui è stato somministrato il resveratrolo, mentre il gruppo placebo ha sperimentato un aumento del 10,5 per cento nei livelli di DHEAS.

Oltre a moderare gli ormoni androgeni, le donne che hanno ricevuto il resveratrolo hanno mostrato un miglioramento dei fattori di rischio del diabete. Nel gruppo del resveratrolo, a digiuno, i livelli di insulina sono diminuiti del 31,8% durante lo studio di tre mesi. I ricercatori hanno anche trovato che le donne che hanno ricevuto il resveratrolo nel corso dello studio sono diventate più sensibili all’insulina.

“I risultati suggeriscono che il resveratrolo è in grado di migliorare la capacità del corpo di utilizzare l’insulina e potenzialmente ridurre il rischio di sviluppare il diabete”, ha detto Duleba. “Il supplemento può anche contribuire a ridurre il rischio di problemi metabolici comuni nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico”.

Fonte: Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism

Altri articoli su sindrome dell'ovaio policistico