Proteine derivate dal siero di latte riducono il rischio di malattie cardiache e ictus

ictus,malattie cardiache,proteine del siero di latte

Integratori di proteine derivate dal siero di latte, normalmente utilizzati dai culturisti, possono ridurre il richio di malattie cardiache e ictus, secondo gli scienziati dell’ Università di Reading.

Lo studio ha dimostrato che i partecipanti con ipertensione lieve che hanno assunto un integratore di proteine derivate dal siero di latte, hanno avuto una riduzione stimata dell’8% del rischio di malatie cardiache e ictus.

( Vedi anche:Dal microbioma intestinale nuovo approccio per trattare le malattie cardiache).

I risultati dello studio sono sicuramente una buona notizia per i 18 milioni di adulti nel Regno Unito che vivono con alta pressione sanguigna che può causare malattie cardiovascolari responsabili dei 155.000 decessi nel Regno Unito, ogni anno.

Ágnes Fekete, la ricercatrice che ha condotto lo studio presso l’Università di Reading, ha dichiarato: ” I risultati di questo studio sono molto interessanti: mostrano l’impatto positivo che le proteine del latte possono avere sulla pressione sanguigna. Studi a lungo termine dimostrano che le persone che bevono più latte tendono ad essere più sane, ma la ricerca non ha ancora spiegato come le proteine del latte influenzano la pressione sanguigna”.

Impatto significativo

La ricerca, condotta presso la University of Reading’s Hugh Sinclair Unit of Human Nutrition, è stata guidata dai Prof. Julie Lovegrove e Ian Givens.

Il Prof. Givens ha detto: ” La somministrazione di una dose elevata di proteine del siero di latte, simile alla quantità usata dagli atleti, ha prodotto un impatto significativo in un processo di otto settimane. Stiamo cercando di capire meglio l’impatto delle proteine del latte sui biomarker della salute cardiovascolare”.

Lo studio ha esaminato l’impatto della somministrazione di due proteine del latte per otto settimane, su una serie di marcatori della salute vascolare, tra cui la pressione arteriosa, la rigidità arteriosa e colesterolo. Le persone con lieve ipertensione, che hanno preso parte alllo studio in doppio cieco, randomizzato e controllato, hanno assunto 56g di proteine ogni giorno, che equivale alla quantità di integratori proteici utilizzati dai culturisti.

I ricercatori hanno riscontrato diversi effetti positivi sui marcatori della salute cardiovascolare, tra cui:

  1. riduzioni significativa della pressione sanguigna (BP) nelle 24 ore dopo il consumo di proteine.

2. riduzione del colesterolo totale – un tipo di grasso presente nel sangue che a livelli elevati aumenta il rischio di malattie cardiovascolari (-5%) rispetto al controllo.

3. diminuzione del triacilglicerolo- un tipo di grasso presente nel sangue che a livelli elevati aumenta il rischio di malattie cardiovascolari (- 12%) rispetto al controllo.

Lo studio ha utilizzato proteine in polvere del siero di latte mescolate con acqua che sono state testate a fianco di un supplemento di caseina, una forma diversa di proteine del latte e un supplemento contenente maltodestrina, una forma di carboidrati.

Gli sportivi, tra cui culturisti, spesso assumono integratori di proteine del siero di latte come parte dei loro regimi di allenamento per costruire la massa muscolare.

Gli integratori di proteine hanno fornito 214 chilocalorie per l’apporto energetico giornaliero, ai partecipanti allo studio – circa il 10% dell’ apporto calorico giornaliero raccomandato. Tuttavia, non vi è stato alcun significativo aumento di peso durante il periodo di studio di otto settimane.

La Prof. Julie Lovegrove, Direttore della Hugh Sinclair Unit of Human Nutrition at the University of Reading, ha dichiarato: “Uno degli effetti più importanti di questo studio è che dimostra che le proteine del siero di latte possono avere un ruolo, come parte di una dieta sana, nel ridurre i fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, anche se ulteriori studi sono necessari per confermare questi risultati “.

Lo studio è pubblicato nel Journal of Clinical Nutrition.

Fonte: University of Reading

Altri articoli su ictus, malattie cardiache, proteine del siero di latte