Nuovi indizi sulle cause della balbuzie

balbuzie

Un circuito cerebrale risulta alterato nelle persone affette da balbuzie, secondo una nuova ricerca pubblicata on-line recentemente nel Journal of American Medical Association.

L’utilizzo di una tecnica di imaging nota come spettroscopia protonica di risonanza magnetica (H-MRS) che osserva il metabolismo delle cellule del cervello, ha permesso ai ricercatori di scoprire che i cambiamenti nelle aree coinvolte nel discorso, attenzione ed emozione sono tutte collegate alla balbuzie.

“Si tratta di una misura fondamentale della densità del tessuto ( nervi) presente in questi circuiti che sembrano non essersi sviluppati correttamente”, ha detto l’autore dello studio il Dr. Bradley Peterson, Direttore dell’ Institute for the Developing Mind at Children’s Hospital Los Angeles.

“Inoltre, l’entità delle anomalie rilevate sembra determinare la gravità della balbuzie”, ha aggiunto il ricercatore. “Questo fornisce una tabella di marcia importante per gli interventi in via di sviluppo per la condizione”.

La balbuzie colpisce circa l’1 per cento della popolazione mondiale in genere a partire dall’ età compresa tra 2 e 5 anni, secondo la National Stuttering Association. Più maschi che femmine sono colpiti dalla condizione. Varie forme di terapia del linguaggio sono in grado di migliorare la balbuzie.

Peterson e il suo team hanno eseguito H-MRS su un gruppo di 47 bambini e 47 adulti sia con balbuzie che sane.

I ricercatori hanno scoperto che le regioni del cervello legate alla balbuzie erano comprese in una rete nota come rete default-mode Network, una rete neurale distribuita in diverse regioni corticali e sottocorticali che viene generalmente attivata durante le ore di riposo e di attività “passive” (connettività funzionale intrinseca). Le abilità cognitive legate all’attivazione di quest’area riguardano: capacità di accedere ai ricordi della propria vita (memoria episodica autobiografica), di riconoscere stimoli familiari e non, di provare emozioni in relazione a situazioni sociali che riguardano noi stessi o gli altri e di valutare le reazioni proprie e degli altri in alcune situazioni emotive.

“A differenza di diverse ricerche precedenti che hanno utilizzato una tecnica di imaging nota come risonanza magnetica funzionale, questo studio è il primo del suo genere e ha fornito una diversa finestra di informazione sul cervello”, ha detto Peterson che è anche Direttore della Division of child and adolescent psychiatry at the Keck School of Medicine of the University of Southern California.

Jane Fraser, Presidente della Fondazione americana per la balbuzie, ha osservato che la ricerca precedente aveva anche stabilito una connessione tra la balbuzie, le emozioni e l’ansia e che la ” vera novità di questa ricerca è che ci ha permesso di comprendere che l’intero cervello prende parte alle balbuzie “.

“Credo che uno dei messaggi di questa ricerca è che l’intervento precoce è molto importante”, ha detto Fraser. ” Ora abbiamo una nuova speranza di trattamento per la balbuzie dato che nella plasticità del cervello c’è una grande quantità di speranza”.

La ricerca è stata pubblicata on-line recentemente nel Journal of American Medical Association.

Fonte: Medicalxpress

Altri articoli su balbuzie