Nuove prove dimostrano che un batterio nella carne di pollo cotta provoca la sindrome di Guillain-Barre

carne di pollo,sindrome di Guillain-Barre

Un gruppo di ricerca della Michigan State University è il primo a dimostrare come un batterio comune che si trova nel pollo cotto in modo improprio, provoca la sindrome di Guillain-Barre o GBS.

La ricerca, pubblicata nel Journal of Autoimmunity, dimostra non solo come questo batterio di origine alimentare, noto come Campylobacter jejuni, innesca la sindrome di Guillain-Barre, ma offre nuove informazioni per una cura.

Se il pollo non è cotto alla corretta temperatura interna minima, i batteri Campylobacter jejuni possono rimanere vivi.

“Quello che il nostro lavoro ha dimostrato è che è necessario un certo patrimonio genetico in combinazione con il batterio Campylobacter, per lo sviluppo di questa malattia”, ha detto Linda Mansfield, autore principale dello studio e Prof. alla MSU College of Veterinary. “La cosa preoccupante è che molti di questi ceppi sono resistenti agli antibiotici e il nostro lavoro dimostra che il trattamento con alcuni antibiotici potrebbe effettivamente peggiorare la malattia”.

( Vedi anche:Scoperto un potente anticorpo che neutralizza l’infezione da Zika).

La sindrome di Guillain-Barre è la principale causa al mondo di paralisi neuromuscolare acuta negli esseri umani e, nonostante molte indagini scientifiche, i meccanismi esatti di come questa malattia autoimmune si sviluppa sono ancora ampiamente sconosciuti.

“Abbiamo prodotto con successo tre modelli preclinici di GBS che rappresentano due diverse forme di sindrome osservata negli esseri umani”, ha detto Mansfield. “I nostri modelli ora offrono un’occasione unica per capire come il patrimonio genetico personale può rendere le persone più sensibili a certe forme della malattia”.

(Gli scienziati sono attualmente molto preoccupati a causa dell’ aumento dell’incidenza della malattia determinata dal virus Zika).

Nonostante la gravità della sindrome di Guillain-Barre, i trattamenti sono molto limitati e in molti casi non sono efficaci. Inoltre, l’uso di alcuni antibiotici nello studio condotto da Mansfield, ha aggravato i segni neurologici, lesioni e il numero di anticorpi che possono erroneamente attaccare gli organi e tessuti del paziente.

“Questi modelli da noi creati, hanno un grande potenziale per la scoperta di nuovi trattamenti per questo tipo di paralisi”, ha detto Mansfield. “Molti pazienti con GBS sono in condizioni critiche e non possono partecipare agli studi clinici. I modelli che abbiamo identificato possono aiutare a risolvere questo problema”.

Le persone che  soffrono di GBS possono inizialmente sperimentare vomito e diarrea. Da una a tre settimane più tardi, possono cominciare a sviluppare debolezza e formicolio ai piedi e alle gambe. A poco a poco, la paralisi può diffondersi alla parte superiore del corpo e alle braccia e coinvolgere anche la respirazione.

Mansfield sta velocemente andando avanti nel suo lavoro per testare nuovi farmaci contro la sindrome di Guillain-Barre, nei suoi modelli.

“Naturalmente nuovi trattamenti sarebbero meravigliosi”, ha detto il ricercatore, “ma terapie per prevenire GBS in via di sviluppo, in primo luogo sarebbero la migliore strategia per evitare la paralisi alle persone colpite dalla sindrome”.

Campylobacter jejuni infetta più di un milione di persone ogni anno negli Stati Uniti ed è noto anche per innescare altre malattie autoimmuni come la malattia infiammatoria intestinale e l’artrite di Reiter.

Fonte: MSU

Altri articoli su carne di pollo, sindrome di Guillain-Barre