Nuove intuizioni sulle infezioni fungine mortali

infezioni fungine

La maggior parte delle persone non pensano alle infezioni fungine come mortali e generalmente, queste infezioni sono ritenute fastidiose. Ma per molti pazienti indeboliti, le infezioni fungine possono rappresentare un  pericolo di vita.

Ora, un nuovo studio condotto da ricercatori della University of Maryland School of Medicine (UM SOM) ha fornito nuovi elementi su uno di questi microbi, i funghi Mucorales, che possono causare infezioni fatali.

( Vedi anche: Rimedi naturali per combattere le infezioni fungine).

Lo studio è stato pubblicato oggi sulla rivista Nature Communication. I ricercatori hanno delineato alcuni aspetti chiave del fungo che potrebbero aiutare i ricercatori a sviluppare nuovi trattamenti.

“Credo che questo lavoro stia per fornire una risorsa significativa per la futura ricerca sui funghi,” ha detto il co-autore dello studio Vincent Bruno, Assistente Professore di microbiologia e immunologia presso l’Università del Maryland School of Medicine e ricercatore presso l’Istituto per Genome Sciences (IGS). “Ora siamo in grado di trovare nuovi bersagli per il trattamento di queste infezioni”.

Altri autori sono  Ashraf S. Ibrahim, uno scienziato della LA BioMed, un istituto di ricerca biomedica indipendente senza scopo di lucro a Los Angeles e Marcus Chibucos, ricercatore associato presso l’IGS, che ha contribuito in modo significativo allo studio.

Ci sono tra 50 e 100 specie di fungo Mucorales. Il  Dr. Bruno ed i suoi colleghi hanno confrontato i geni di 25 di queste specie. Lo studio ha identificato diversi percorsi necessari per lo sviluppo della  mucormicosi in un paziente.

Generalmente il fungo invade le cellule delle persone con sistema immunitario indebolito e causa una infezione a volte mortale conosciuta come mucormicosi.

I pazienti il cui sistema immunitario non funzionano correttamente sono particolarmente a rischio. Questo gruppo include i pazienti con diabete, le persone che hanno recentemente subito un trapianto o che hanno subito ferite.

Queste infezioni sono considerate rare ma il Dr. Bruno osserva che esse sono probabilmente spesso trascurate e sottovalutate e quindi possono essere molto più comuni di quanto precedentemente realizzato.

“Non ci sono vaccini o terapie efficaci oggi disponibili per fermare l’infezione mucormicosi altamente fatale”, ha detto il Dr. Ibrahim. “Vi è un urgente bisogno di ulteriori ricerche per sviluppare strategie per proteggere i pazienti con sistema immunitario indebolito”.

I ricercatori dicono di aver individuato un percorso che ha il potenziale di essere un target per il trattamento di queste infezioni. Sembra che questi funghi siano meno in grado di invadere le cellule umane dopo l’inibizione di una proteina chiamata recettore del fattore di crescita derivato dalle piastrine (PGDFR), che svolge un ruolo chiave nella crescita cellulare.Il  Dr. Bruno e il Dr. Ibrahim stanno iniziando la ricerca per scoprire se questa proteina può essere un obiettivo terapeutico per il trattamento di queste infezioni fungine. I I ricercatori sospettano che ci possono essere farmaci esistenti, già approvati dalla FDA, che possono effettivamente inibire PGDFR: questo renderebbe il percorso di ricerca di trattamento per queste infezioni fungine molto più semplice.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su infezioni fungine