Come il microbiota intestinale influisce sull’invecchiamento

invecchiamento

Immagine: a cinque settimane di età il pesce killifish turchese risplende di colori vivaci (sopra). All’età di dodici settimane, invece, i colori comincianoo a svanire a causa dell’invecchiamento (sotto). Credit: Dr. Valenzano

Perde i suoi pigmenti, le sue capacità motorie e facoltà mentali e sviluppa il cancro, il pesce killifish turchese (nothobranchius furzeri) lotta con gli stessi segni dell’invecchiamento che interessano molte altre creature viventi.

I ricercatori dell’ Istituto Max Planck per la biologia dell’invecchiamento a Colonia hanno studiato l’effetto del microbiota intestinale sull’ invecchiamento e la durata della vita. I loro risultati mostrano che gli animali più anziani rimangono attivi più a lungo e vivono più a lungo se trapiantati con batteri intestinali di giovani membri della specie.

I risultati suggeriscono che i microrganismi nell’intestino influenzano l’invecchiamento di un organismo.

( Vedi anche: All’ orizzonte un farmaco rivoluzionario che inverte veramente l’invecchiamento).

Il turchese Killifish, un pesce africano, inizia il suo declino fisico dopo pochi mesi dalla nascita. Subisce tutte le fasi dello sviluppo, dalla cova alla morte, ad una velocità che lo rende  l’organismo modello ideale per la ricerca sull’ invecchiamento. La sua breve durata di vita è paragonabile a quella del verme nematode C. elegans e moscerino della frutta Drosophila, che i ricercatori hanno anche utilizzato per studiare i segni dell’ invecchiamento. In contrasto con entrambi, il killifish è un vertebrato e quindi più strettamente legato agli esseri umani rispetto agli insetti e vermi. Ciò significa che gli scienziati possono ottenere informazioni da questo pesce che altrimenti richiederebbero anni nello studio di altri vertebrati.

La flora intestinale del killifish turchese è simile nella sua diversità e composizione a quella degli esseri umani. I microrganismi nell’intestino influenzano l’assorbimento del cibo, il metabolismo e il sistema immunitario. Come negli esseri umani, l’invecchiamento colpisce la composizione della comunità microbica: mentre molte specie diverse di batteri garantiscono un intestino sano da giovane, questa diversità diminuisce non solo in età avanzata, ma i batteri esistenti contengono anche un maggior numero di agenti patogeni.

Come parte del loro studio, gli scienziati, tra cui il Dr.Dario Riccardo Valenzano del Max Planck Institute di Colonia, hanno trattato i pesce di 9,5 settimane di età con antibiotici per cancellare la loro flora intestinale. Hanno quindi trapiantato questi animali di mezza età con il contenuto intestinale di pesci giovani di 6 settimane di età. In questo modo, i batteri dei giovani pesci sono con successo stati  ‘trapiantati’ nell’organismo dei pesci più vecchi e hanno colonizzato il loro intestino. I pesci più anziani che hanno ricevuto il microbiota dei giovani pesci non solo sono vissuti molto più a lungo rispetto ai pesci che non sono stati trapiantati, ma hanno dimostrato un’età di circa 16 settimane e sono anche diventati agili come i giovani pesci.

Non è ancora chiaro esattamente come i microbi influenzano la longevità. “E’ possibile che un sistema immunitario invecchiato sia meno efficace a proteggere i microrganismi nell’intestino, con il risultato che v’è una maggiore prevalenza di patogeni nel fegato degli anziani. La flora intestinale in un giovane organismo può contribuire a contrastare tutto questo e quindi essere di supporto al sistema immunitario e prevenire le infiammazioni. Questo potrebbe portare alla speranza di vita più lunga e migliore salute “, dice Valenzano.

Fonte:  Istituto Max Planck

 

 

Altri articoli su invecchiamento