La strana doppia vita di Dab2

Dab2,obesità

Immagine: Dab2 (rosso) – pre-adipociti che si accumulano in gocce lipidiche (verde).Credit: Sylvester Comprehensive Cancer Center.

A volte le proteine fanno molto di più di quanto ci aspettiamo. Dab2, per esempio, è stata a lungo collegata al cancro. La molecola è associata ad una catena di proteine della via di segnale chiamata Ras-MAPK. In molti tipi di cancro, elementi di Ras-MAPK mutano e inducono le cellule a crescere in maniera incontrollata.

Xiang Xi-Michael Xu, ricercatore del Sylvester Comprehensive Cancer Center che è anche un Prof. di biologia cellulare presso la University of Miami Miller School of Medicine, ha scoperto Dab2 più di 20 anni fa e da allora studia il suo rapporto con il cancro. Ma ora ha scoperto che Dab2 vive una vita segreta da sempre e potrebbe avere implicazioni per la salute pubblica nella lotta contro l’obesità. In un articolo pubblicato sulla rivista Scientific Reports, il laboratorio di Xu ha dimostrato che i giovani topi senza Dab2 non sono aumentati di peso quando sono stati alimentati con una dieta ricca di grassi.

( Vedi anche:Come il microbioma contribuisce al recupero di peso nell’obesità ricorrente).

“Questi topi sembrano e agiscono normalmente”, dice Xu. “Tranne quando li abbiamo alimentati con una dieta ricca di grassi. Semplicemente non sono aumentati di peso”.

Il meccanismo di base può ruotare intorno alle cellule staminali adipose: cellule immature che possono o dividersi in più cellule staminali o differenziarsi in cellule adipose mature. In topi normali, DAB2 sopprime Ras-MAPK, che a sua volta aumenta la produzzione di una proteina chiamata PPAR che aiuta le cellule staminali adipose a maturare in cellule di grasso. Eliminando DAB2  questo circuito viene interrotto.

Mentre i topi normali alimentati con una dieta ricca di grassi aumentano di peso, i topi privi di DAB2 rimangono magri, ma solo per un po‘, perchè quando i topi maturano, l’effetto metabolico si dissipa. Entro sei mesi, la perdita di Dab2 non ha praticamente alcun effetto. Xu ritiene che questo accade perché i topi (e gli esseri umani) perdono le loro cellule staminali adipose quando raggiungono la maturità. Questo impatto precoce potrebbe contribuire a spiegare perchè i problemi di peso possono persistere in età adulta e perchè molti adulti hanno gravi difficoltà a perdere peso.

“Dab2 controlla una popolazione di cellule staminali adipose che scompare lentamente”, ha spiegato Xu. “Sembra che i bambini sono particolarmente colpiti dalla dieta. Essi possono aumentaresia  il numero di cellule di grasso che le dimensioni, quando sono giovani. Possiamo dire che le abitudini dell’infanzia potrebbro colpire gli adulti, rendendoli più suscettibili all’obesità “.

Dal punto di vista della salute pubblica, questi risultati possono rafforzare l’importanza dell’alimentazione dei bambini e della necessità di nutrirli con diete a basso contenuto di grassi. Identificare questo ruolo di Dab2 potrebbe anche portare a nuove strategie farmaceutiche per combattere l’obesità infantile, in quanto la proteina potrebbe essere un bersaglio attraente per lo sviluppo di farmaci.

Fonte: Eurekalert

Altri articoli su Dab2, obesità