Integratori di calcio possono danneggiare il cuore

aterosclerosi,integratori di calcio
Gli esperti raccomandano cautela prima di assumere integratori di calcio.

Dopo aver analizzato 10 anni di test medici su più di 2.700 persone in uno studio sulle malattie cardiache, i ricercatori della Johns Hopkins Medicine concludono che l’assunzione di calcio sotto forma di integratori può aumentare il rischio di accumulo di placche nelle arterie e causare danni al cuore, anche se una dieta a base di alimenti ricchi di calcio sembra essere protettiva.

In un rapporto sulla ricerca, pubblicata nel Journal of American Heart Association, i ricercatori avvertono che il loro lavoro documenta solo un’associazione tra integratori di calcio e l’aterosclerosi e non dimostra la relazione causa ed effetto.

( vedi anche:Integratori di calcio aumentano il rischio infarto).

I risultati di questo studio si aggiungono alla crescente preoccupazioni scientifica circa i danni potenziali degli integratori e sollecitano una consultazione con un medico esperto prima di utilizzare integratori di calcio. Si stima che circa il 43 per cento degli uomini adulti americani e donne assumono un integratore che include il calcio, secondo il National Institutes of Health.

Dice Erin Michos, Prof. di Cardiologia e Medicina al Ciccarone Center for the Prevention of Heart Disease e alla Johns Hopkins University School of Medicine: ” Il nostro studio si aggiunge al corpo di prove che dimostrano che l’ eccesso di calcio sotto forma di integratori può danneggiare il sistema cardiovascolare”.

I ricercatori sono stati motivati ad esaminare gli effetti del calcio sul sistema cardiaco e vascolare, perché gli studi hanno dimostrato che  ” gli integratori di calcio – in particolare nelle persone anziane – non vengono completamente escreti nelle urine e si accumulano nei tessuti molli del corpo “, dice il nutrizionista John Anderson, Professore emerito alla University of North Carolina at Chapel Hill’s Gillings School of Global Public Healthdi e co-autore dell’articolo. Gli scienziati sapevano già che in una persona matura, le placche di calcio si accumulano nel vaso sanguigno principale del corpo, l’aorta, e in altre arterie, impedendo il flusso di sangue e aumentando il rischio di attacco di cuore..

Per la ricerca sono stati esaminati i dati dettagliati del Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis, un progetto di ricerca finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute che comprendeva più di 6.000 persone e condotto in sei Università tra cui la Johns Hopkins. Lo studio si è concentrato su 2.742 di questi partecipanti che hanno completato i questionari dietetici e sono stati sotto posti a due TAC, per un periodo di 10 anni.

I partecipanti selezionati per questo studio avano età che variava dai 45 agli 84 anni e il 51 per cento erano di sesso femminile. Il quarantuno per cento erano bianchi, il 26 per cento afro-americano, il 22 per cento erano ispanici e il 12 per cento erano cinesi. All’ inizio dello studio nel 2000, tutti i partecipanti hanno risposto a un questionario di 120 parti circa le loro abitudini alimentari per determinare la quantità di calcio che hanno assunto mangiando prodotti lattiero-caseari; verdure a foglia verde e altri alimenti ricchi di calcio, come i cereali. Separatamente, i ricercatori hanno inventariato quali farmaci e integratori ogni partecipante ha assunto su base quotidiana. I ricercatori hanno utilizzato scansioni CT cardiache coronariche per misurare la calcificazione nelle arterie del cuore e un marker di rischio di malattia cardiaca, quando il punteggio della quantità di calcio era superiore a zero. Inizialmente, 1.175 partecipanti hanno mostrato placche nelle loro arterie del cuore. I test sul calcio presente nell’arteria sono stati ripetuti dopo 10 anni per valutare lo sviluppo di nuova insorgenza o peggioramento della malattia coronarica.

Per l’analisi, i ricercatori hanno prima diviso i partecipanti in cinque gruppi in base al loro apporto di calcio totale, incluso sia integratori di calcio che il calcio nella dieta. Dopo aggiustamento dei dati per età, sesso, razza, l’esercizio fisico, il fumo, reddito, istruzione, peso, alcol, pressione arteriosa, glicemia e la storia medica della famiglia, i ricercatori hanno individuato il 20 per cento dei partecipanti con la più alta assunzione totale di calcio, che era superiore a 1.400 milligrammi di calcio al giorno.

Successivamente, i ricercatori hanno focalizzato la loro attenzione sulle differenze tra i partecipanti che hanno assunto calcio solo con la dieta e partecipanti  che hanno utilizzato integratori di calcio. Circa il 46% della loro popolazione partecipante allo studio ha utilizzato i supplementi di calcio.

I ricercatori hanno ancora una volta preso in considerazione gli stessi fattori demografici e di stile di vita che potevano influenzare il rischio di malattie cardiache, come nella precedente analisi, e hanno scoperto che gli utenti di integratori di calcio hanno mostrato un 22 per cento di maggiore probabilità di avere un aumento del calcio presente nell’arteria, con un punteggio maggiore di zero, nel corso del decennio, che indica il rischio di sviluppo di malattie cardiache.

“C’è chiaramente qualcosa di diverso nel modo in cui il corpo utilizza e risponde agli integratori, rispetto all’assunzione di calcio  attraverso la dieta “, dice Anderson. “Potrebbe essere che gli integratori contengono sali di calcio, o potrebbe essere che assumere una grande dose di calcio in una volta sola, rende il corpo non in grado di utilizzarlo correttamente”.

Tra i partecipanti con più alta assunzione di calcio attraverso la dieta  – oltre 1.022 milligrammi al giorno – non c’era nessun aumento del rischio relativo di sviluppare la malattia di cuore nel corso del periodo di studio di 10 anni.

“Sulla base di questa evidenza, possiamo dire ai nostri pazienti che non sembra esserci alcun danno dall’assunzione di calcio attraverso la dieta che include alimenti ricchi di calcio e può anche essere utile per il cuore”, dice Michos. “Ma i pazienti che decidono di assumere integratori di calcio dovrebbero prima consultare il loro medico per avere un dosaggio corretto o verificare se ne hanno bisogno”.

 Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, la malattia coronarica uccide più di 370.000 persone ogni anno negli Stati Uniti. Più della metà delle donne oltre i 60 anni assume integratori di calcio, molte senza la supervisione di un medico – perché credono che sarà utile per ridurre il rischio di osteoporosi.Altri autori dello studio includono Bridget Kruszka e Joseph Delaney della University of Washington, Ka Lui della Indiana University, Gregory Burke della Wake Forest University, Alvaro Alonso di Emory University, Diane Bild del  Outcomes Research Institute e Matthew Budoff della UCLA Medical Center.

Fonte: Journal of American Heart Association

Altri articoli su aterosclerosi, integratori di calcio